Venerdì, 22 Giugno, 2018

Trump e Kim, la stretta di mano storica a Singapore

G7: Conte fa ciao con la mano a Trump ma lui lo ignora completamente NBA, Dennis Rodman a Singapore per l’incontro tra Trump e Kim Jong Un
Rufina Vignone | 12 Giugno, 2018, 14:09

A margine della firma della dichiarazione congiunta con Trump, il leader della Corea del Nord ha dichiarato: "Abbiamo avuto un incontro storico, abbiamo deciso di lasciarci il passato alle spalle, abbiamo firmato un documento storico, il mondo vedrà questo importante cambiamento".

"Non era facile arrivare fin qui ma abbiamo superato gli ostacoli", ha commentato il leader nordcoreano. "C'è molta soddisfazione e molta gioia, voglio ringraziare il presidente Kim" ha continuato Trump. Per il sito Quote investigator, il detto, spesso attribuito infondatamente a George Bernard Shaw, comparve su un magazine di Chicago nel 1903.

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, e il leader della Corea del Nord, Kim Jong-un, si sono incontrati per la prima volta oggi, martedì 12 giugno, all'hotel Cappella, sull'isola di Sentosa, a Singapore. E' cominiciato così l'atteso incontro tra Donald Trump e Kim Jong-un a Singapore. Secondo l'editorialista del New York Times, David Leonhardt, l'esito della politica commerciale di Trump sta, volente o nolente, disgregando l'alleanza atlantica che ha caratterizzato tutta la storia del secondo dopoguerra. Il resto lo trovate in cronaca. Dopo il pranzo di lavoro, il presidente americano ha annunciato la firma di un documento con il Maresciallo. Il processo di denuclearizzazione della Corea del Nord inizierà "molto velocemente" ha detto il presidente statunitense dopo la firma del documento.

Fatto il Vertice, soddisfatto l'ego del presidente e del dittatore, il negoziato può iniziare: su ogive e missili, sanzioni e aiuti, non sul cerimoniale della recita di Singapore. Alla fine del colloquio, mentre si spostavano in un'altra sala per il meeting allargato, Trump ha avuto il tempo per una battuta a uso dei media: è andato "molto, molto bene", ha affermato, anticipando che i due hanno già una "eccellente relazione".

L'incontro fra Trump e Kim è iniziato alle 9 ora locale (le 3 di notte in Italia).

"Kim ha accettato di venire alla Casa Bianca" - "Kim ha accettato di venire alla Casa Bianca in futuro, quando sarà il momento lo inviterò". Un menu a base di sapori asiatici e occidentali.

Si è trattato del primo vertice della storia tra un presidente americano e il leader nordcoreano. Con Kim "risolveremo un grande problema, un grande dilemma", ha aggiunto il capo della Casa Bianca nel summit sul nucleare con il leader nordcoreano, assicurando che "lavorando insieme ce ne faremo carico". "Vorrei esprimere gratitudine al presidente Trump per aver fatto accadere questo incontro".

Kim Jong-un, dal canto suo, potrà vantarsi di aver sviluppato il programma nucleare (avviato da suo nonno e fondatore della patria) al punto tale da costringere l'onnipotente presidente degli Stati Uniti a incontrarlo e a trattare con lui, e più a lungo termine a sancire la sopravvivenza del suo regime offrendo garanzie di sicurezza "inedite". Il tycoon, nel singolare siparietto, ha aperto anche lo sportello.

Altre Notizie