Venerdì, 22 Giugno, 2018

Pensioni, Quota 41 per superare la Fornero: quali sono i rischi

Cento euro di sconto Cento euro di sconto
Remigio Civitarese | 12 Giugno, 2018, 15:02

E conclude: "Tagliare le pensioni d'oro non deve essere una mossa propagandistica: se si applicasse la flat tax, ai pensionati più ricchi, si restituirebbe molto più di quello che si dichiara di voler togliere".

In merito agli intendimenti del nuovo governo circa le modifiche ala legge Fornero, l'ex ministro si è così espresso: " Prima dicevano che volevano cancellare e abolire la legge, ora invece dicono che vogliono superarla. E la cosa è emblematica quando questo "altro" si chiama Giovanni Tria e di lavoro fa il ministro dell'Economia del governo Conte. Si possono fare degli esempi concreti.

Infatti, per chiedere la quota 100 bisogna aver maturato almeno 64 anni di età insieme ad almeno 36 anni di contributi.

Gli effetti della "controriforma" pensionistica con la revisione radicale della legge Fornero che ha determinato un drastico allungamento dell'età è l'estensione del sistema contributivo anche a chi fino a quel momento andava in pensione con la media delle ultime retribuzioni, avrebbe conseguenze precise.

La normativa attuale prevede che l' ape volontario si interrompa anticipatamente (con ricalcolo del piano di ammortamento in senso più favorevole per l'assicurato) laddove il percettore diventi titolare di altra prestazione previdenziale diretta prima della scadenza originaria del prestito. A oggi sopravvivono alcune tipologie residuali di pensione di anzianità con le quote: si tratta delle pensioni degli addetti ai lavori usuranti, delle pensioni dei beneficiari delle salvaguardie e del cosiddetto salvacondotto. "Quanto alla crescita della speranza di vita viene considerato uno scenario medio".

58 anni: divisore 23,236; coefficiente 4,304%. Con Quota 100 entrambi avranno però 1.079 euro anziché 1289 (uomo) e 1247 (donna).

E ancora, andando avanti con l'età, per un quarantenne l'anticipo sarà di tre anni e sette mesi, da 65 a 61 anni e 4 mesi; per una lavoratrice della stessa età sarà di due anni e sette mesi (da 63 anni e undici mesi a 61 e 4). Bisognava allungare l'età pensionabile - come ho fatto - perché sono cambiate le aspettative di vita. Nel 2019 e 2020 si accederà alla pensione di vecchiaia a 67 anni, mentre nel 2021 a 67 anni e 3 mesi. La sua conferma in legge di bilancio ha infatti portato all'incremento di cinque mensilità nei criteri anagrafici e contributivi utili per maturare l'assegno nel 2019, ma per lo stesso motivo sono destinati a scendere anche gli importi versati in favore dei futuri pensionati (visto che saranno pagati per un lasso di tempo superiore). Vedremo se con la riforma delle pensioni che intende varare il nuovo governo ci sarà un'inversione di tendenza. "Tra i casi simulati - ad avviso del dottor Carbone di Progetica - l'unica eccezione riguarda i lavoratori che hanno iniziato a contribuire dal 1996 in poi". Così, con questo titolo, Italia Oggi, parla nell'edizione del 12 giugno, della situazione di 42mila dipendenti della scuola prossimi alla pensione. I nuovi coefficienti entreranno in vigore dal 2019 e vedono l'introduzione della riga dedicata a chi va in pensione a 71 anni di età.

Altre Notizie