Lunedi, 18 Giugno, 2018

MotoGP 2018: le dichiarazioni di Valentino Rossi dopo la gara al Mugello

Valentino Rossi Valentino Rossi
Elettra Stolfi | 10 Giugno, 2018, 05:10

"Trovo quantomeno curioso che i tifosi italiani abbiano festeggiato più la caduta di un pilota che la vittoria di un altro" - ha commentato amareggiato l'arcirivale di Valentino Rossi - "Un po' me l'aspettavo, ma è molto triste, perché noi in pista corriamo molti rischi e vedere un pilota cadere a 300 km/h non è mai qualcosa da festeggiare". Il pilota spagnolo ha perso una buona chance per allungare ulteriormente in classifica, ma in Catalunya potrà contare sul claore del suo pubblico per riprendere la marcia trionfale. Sia Jorge Lorenzo che Iannone quando hanno capito che stavano rischiando di rimanere a piedi si sono messi ad andare più forte; questo mette in difficoltà i team manager. Sul podio del Gp d'Italia anche Valentino Rossi, terzo: il Dottore è ora secondo nel mondiale e la conquista della Decima si gioca a 7,50. Ci sta, ma dovresti tenerlo per te e non ostentarlo. Certo sarebbe stato meglio arrivare primi. Abbiamo vinto tre gare quest'anno, però chi arriva deve sapere che la RC 213 non sia una moto facile da guidare, tutt'altro: "la Honda è difficile da portare al limite, serve spingere forte e rimanere sempre concentrati per trarne il potenziale disponibile".

Ha raccolto il massimo possibile dal weekend del Mugello Valentino Rossi. C'era chi mi dava per campione con una mano sola, ma io continuo a dire che il campionato è ancora molto lungo e tutto può succedere.

Altre Notizie