Lunedi, 18 Giugno, 2018

Governo, Di Maio ai commercianti: "L'Iva non aumenterà"

Remigio Civitarese | 10 Giugno, 2018, 12:39

"L'IVA non aumenterà e le clausole di salvaguardia saranno disinnescate" ha assicurato il Ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico, nonché vice Premier. Il neoministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico, Luigi Di Maio, cerca di rassicurare i commercianti durante il suo intervento all'Assemblea di Confcommercio a Roma. Gli strumenti anti-evasione adottati finora come split payment, redditometro, spesometro e studi di settore, ha detto Di Maio, hanno reso "schiavo" chi le tasse le ha sempre pagate, chi crea valore in Italia, con burocrazie che impiegano cento giorni di lavoro l'anno e costi. "Perché siete tutti onesti ed è onere dello Stato provare il contrario" ha aggiunto Di Maio.

Occorre un salario minimo per i lavoratori che non rientrano nelle categorie che hanno una contrattazione collettiva nazionale per stabilire lo stipendio. "Sull'Iva non si tratta e non si baratta", ha scandito il numero uno dei commercinti. "La vera salvaguardia per imprese e cittadini è difendere i loro redditi, il potere d'acquisto, la competitività diffusa delle imprese".

"Chiediamo scelte che superino il contingente, anche perché, come ha sostenuto il presidente Conte in sede di fiducia al Senato, la risposta da parte della politica soltanto 'al bisogno immediato rischia di tramutarsi in mero tornaconto'". Un paese così vulnerabile deve dunque dare continuità ad un coraggioso cammino delle riforme. Dobbiamo trasformare - spiega - l'attuale ripresa in una crescita concreta e duratura, da collocare tra il 2 e il 2,5% annuo. Anche sul tema infrastrutture il capo politico del M5S pronuncia parole che sono musica per le orecchie dei suoi uditori. Il presidente di Confcommercio ha quindi proposto di "mettere mano anche alla tassazione locale, con una local tax, unica, certa e semplice" e ha invocato "risposte immediate" come "la deducibilità dell'IMU sugli immobili strumentali" e "il riporto delle perdite per le oltre due milioni di piccole imprese in regime di cassa" e "la web tax".

Messaggio di rassicurazione da parte di Di Maio sul tema delle infrastrutture, in particolare per quelle legate al tursmo: "Quando parliamo di turismo - dice il vicepremier - parliamo di infrastrutture, in cui alcune regioni strategiche neanche ce ne sono, in altre ci sono luoghi bellissimi e neanche un treno che porta i turisti fino a lì". E sul lavoro insiste: "Salario minimo per chi e' fuori dalla contrattazione nazionale". "Chi sta raccontando l'idea che questo sia il governo del no alle infrastrutture sbaglia".

Altre Notizie