Lunedi, 18 Giugno, 2018

Diritti tv, Mediapro e Sky in Lega: ultime ore di trattative private

Calcio e diritti tv: ci vorranno due abbonamenti per guardare tutta la Serie A Diritti tv: ci vorranno due abbonamenti per vedere tutta la Serie A?
Zaira Scannapieco | 10 Giugno, 2018, 19:03

Meno ai telespettatori tradizionali e a trasmissioni storiche come 90° Minuto. I prezzi saranno commisurati a numero di partite, fasce orarie e alla formula 'pick', ossia al numero di scelte (8 per i primi due pacchetti, 4 per il terzo) e all'ordine con cui vengono esercitate dai licenziatari, una volta definito il calendario, per collocare i 20 big match negli slot orari che ciascuno ha acquistato. Il prezzo minimo garantito complessivo che la Lega Serie A vorrebbe ricavare dalla vendita dei diritti è di 1,1 miliardi di euro. La differenza sostanziale rispetto agli scorsi anni è che i diritti verranno ceduti non per piattaforma ma per prodotto.

In teoria quindi ponendo che un unico operatore riesca ad aggiudicarsi due pacchetti, il tifoso sarebbe costretto a sottoscrivere due abbonamenti per vedere tutte le partite della sua squadra.

Serie A 2018/19, bufera diritti tv: due abbonamenti per vedere il calcio? Alla luce delle trattative con gli operatori concluse in mattinata, i club hanno puntato sulla vendita per prodotto. Con la variante che ogni soggetto non potrà acquistare più di due pacchetti, salva la facoltà di poter cedere ad altri uno dei pacchetti. L'ultimo pacchetto comprende 114 partite: il sabato alle 20:30, la domenica alle 12:30 e una partita delle 15 sempre la domenica.

Un cambiamento epocale per tutti i tifosi: molti infatti, si sono detti spaesati sui social e sono rimasti colpiti dalla grande di novità apportata dalla lega che potrà così puntare a superare il miliardo di euro di incasso a stagione. Il bando per i diritti tv del campionato vieta la trasmissione delle azioni migliori e dei gol del campionato prima delle 22 di domenica sulle tv non a pagamento. Questo pacchetto non esclusivo sarà in vendita entro giugno, come quello per gli highlights destinati al web, da trasmettere 3 ore dopo la fine della partita. Per chi è abituato a vedere le trasmissioni della domenica pomeriggio questo si trasforma in un blackout fino alla domenica sera, fatto salvo il diritto di cronaca: i gol saranno visibili nei telegiornali.

Altre Notizie