Venerdì, 22 Giugno, 2018

Nato, Di Maio: "Dialogo con Russia ma restiamo alleati degli Usa"

Governo M5s Lega Italia Russia nato nuovo governo Luigi Di Maio Sicilia Politica Il ministro del Lavoro Luigi Di Maio in visita allo stabilimento Leonardo di Pomigliano d'Arco
Rufina Vignone | 09 Giugno, 2018, 12:14

Luigi Di Maio torna a parlare di politica estera in seguito alle polemiche suscitate dalle parole della Nato, che aveva ammonito l'Italia riguardo alle sanzioni alla Russia.

Quello di levare le sanzioni alla Russia, introdotte dopo l'annessione della Crimea nel 2014, è sempre stato uno dei chiodi fissi in particolare del leader leghista ed oggi ministro dell'Interno Matteo Salvini ma anche del collega di percorso Luigi Di Maio (5 Stelle), e solo pochi giorni fa il potente finanziere statunitense George Soros l'ha pure buttata lì, "Sono molto preoccupato per l'influenza della Russia sull'Europa in generale e sul nuovo governo italiano: non so se Salvini è stato finanziato da Mosca, ma l'opinione pubblica avrebbe il diritto di sapere, dal momento che Putin cerca di dominare l'Europa". Il governo a guida Giuseppe Conte "vuole lasciare l'Italia negli accordi e nelle alleanze - ricorda il capo politico M5S - garantendo continuità".

"Restiamo nella Nato e alleati degli Stati Uniti, ma portiamo avanti anche il dialogo con gli altri Paesi, come la Russia, come sempre è stato anche nel passato. Ma adesso hanno capito che c'è un Governo che non dice sì su tutto, che è pronto a collaborare ma nell'interesse degli italiani". Secondo Di Maio il nostro paese ha storicamente svolto una funzione nell'ambito dell' alleanza occidentale, nell'ambito della Nato ma "è stato un Paese che ha saputo dialogare con i paesi dell'Est e con quelli del Mediterraneo, del Nordafrica, che ci permetteranno di risolvere anche il problema dei flussi migratori". "Per quanto riguarda le limitazioni delle sanzioni, non siamo stati noi a introdurle, senza dubbio; approveremmo un approccio di buonsenso e ponderato". E così tra proclami e frasi roboanti è tramontato il proposito del governo dei premier Salvini e Di Maio di eliminare le sanzioni alla Russia. "Su queste questioni si agisce, non si annuncia".

Altre Notizie