Giovedi, 21 Giugno, 2018

La Nato richiama il governo Conte sulle sanzioni contro la Russia

Rufina Vignone | 09 Giugno, 2018, 01:52

"Il mio governo preoccupa la Nato per le sanzioni alla Russia?".

Stoltenberg ha anche fatto, come prassi, i complimenti a Giuseppe Conte per il suo nuovo incarico di presidente del Consiglio, felicitandosi per l'importanza della Nato sottolineata nel suo discorso al Senato della Repubblica in occasione del dibattito sulla fiducia al suo governo. Stoltenberg però ha voluto immediatamente comunicare come la linea nei confronti della Russia non cambi, nonostante gli annunci di Conte.

"Intendiamo preliminarmente ribadire la convinta appartenenza del nostro Paese all'Alleanza atlantica, con gli Stati Uniti d'America quale alleato privilegiato". Dai programmi elettorali delle due forze al governo del Paese e da quello scritto sul "contratto" tra Lega e M5s, le sanzioni alla Russia dovrebbero essere abolite e si dovrebbe intavolare un discorso di cooperazione che sicuramente porterebbe vantaggi all'economia italiana.

Lo ha detto il Ministro della Difesa, Elisabetta Trenta, alla Nato, riferendosi - secondo quanto si apprende - alle missioni.

L'Italia chiede "che si rafforzi la volontà di una Nato più attenta al Mediterraneo", che sostenga l'Italia e l'Unione Europea nelle "principali sfide che ci troviamo di fronte: lotta al terrorismo e lotta al traffico di esseri umani". "L'Italia è un importante alleato della Nato e accolgo con favore l'impegno del nuovo premier a favore della nostra Alleanza - ha detto il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg - ma a proposito della Russia penso che il dialogo debba continuare" ma anche "che le sanzioni economiche siano importanti perché mandano un messaggio chiaro sul fatto che ciò che Mosca ha fatto in Ucraina deve avere conseguenze e che la Russia deve cambiare modo di comportarsi, prima che esse siano revocate".

Altre Notizie