Venerdì, 22 Giugno, 2018

Mensa scolastica, intossicazione bambini di Pescara è da Campylobacter

Intossicazione alunni Pescara ancora nessuna certezza su origine del contagio Pescara, salgono a 180 i bambini intossicati: esclusa la salmonella, colpa di un batterio della carne
Irmina Pasquarelli | 08 Giugno, 2018, 15:10

Nel corso di questi giorni hanno fatto ricorso alle cure nosocomiali 136 bambini e tre adulti tutti appartenenti ad una collettività scolastica, ben individuata, sulla quale i servizi di Igiene degli Alimenti del Dipartimento di Prevenzione, in collaborazione con il Comando NAS di Pescara, hanno operato già dal 2 giugno provvedendo alla raccolta delle matrici alimentari somministrate nella mensa dei plessi scolastici interessati, al fine di inviare i reperti ai Servizi di analisi dell'Istituto Zooprofilattico di Teramo per le opportune indagini sugli alimenti. Esclusa, quindi, l'ipotesi salmonella. Anche per le persone che sono andate in strutture sanitarie diverse dal nosocomio pescarese e' stato seguito il protocollo terapeutico messo a punto dall'azienda sanitaria di Pescara, che ha gestito l'emergenza. "Il batterio che trova diffusione attraverso alimenti, per sua natura è autolimitante e cioè soggetto ad auto estinzione ed è sensibile ad antibiotici a largo spettro e ad eritromicine e macrolidi", spiegano dalla Asl.

180 bambini intossicati a Pescara per colpa del batterio Campylobacter.

Attualmente, nel reparto di pediatria di Pescara sono ricoverati 23 bambini. La trasmissione del Campylobacter può avvenire per via orofecale e anche per via orale: liquidi, alimenti e, soprattutto, carne. Per questo, Asl e carabinieri hanno ispezionato il centro cottura che serve le mense delle scuole del capoluogo adriatico, sequestrando cibi e campioni. Saranno i laboratori dell'Unità Operativa Complessa di Microbiologia e Virologia clinica ad occuparsi degli accertamenti sui campioni, mentre prosegue l'analisi dei campioni prelevati sui piccoli finiti in ospedale. La terapia eseguita sui bimbi è efficace contro il tipo di batterio individuato.

Altre Notizie