Lunedi, 18 Giugno, 2018

Diritti tv, via alla trattativa privata. Si decide il 13 giugno

Micciché e di Diritti tv Diritti tv: la Lega di Serie A volta pagina e prova con le trattative private
Elettra Stolfi | 05 Giugno, 2018, 16:23

Si terrà domani la nuova assemblea di lega convocata per discutere dell'incandescente questione riguardante i diritti tv della Serie A 2018-2021. Ora la discussione si concentra sulla struttura dei pacchetti per le trattative private.

La Lega di A ha rigettato le garanzie presentate da Mediapro, l'intermediario spagnolo che lo scorso 5 febbraio si era aggiudicato i diritti televisivi per 1 miliardo e 50 milioni e che ieri ha provato l'ultimo disperato tentativo di riprendersi i diritti televisivi per il triennio 2018-21.

In una durissima lettera consegnata alla Lega ed Infront, Mediapro definisce "illegittima" la decisione di rescindere il contratto, ed ha chiesto una revoca immediata, da ufficializzare entro tre giorni, dopo di che darà mandato ai legali di tutelare gli interessi della compagnia dinanzi agli organi competenti ed in sede civile e penale, oltre che cautelare.

LA REAZIONE DELLA LEGA: "PROPOSTA NON CONFORME AL BANDO" - "In relazione al comunicato diffuso da Mediapro, la Lega Serie A comunica di avere ricevuto questa sera delle ulteriori proposte, da parte della stessa Società spagnola, che verranno sottoposte domani all'attenzione dell'Assemblea".

Mediapro ha presentato alla Lega A "nei termini legali previsti le garanzie richieste". Il bando "è ora offerto a tutti i broadcaster, poi vedremo cosa succederà", aggiunge il numero uno di via Rosellini, precisando che la Lega Serie A si trova davanti a "un momento importante". Nel frattempo, da Mediapro arrivano le prime bordate ai danni della Lega Calcio, che ha deciso di rescindere il contratto con gli intermediari. Adesso si apre la fase di offerta da parte di tutti broadcaster, nazionali e internazionali. Mi auguro che tutti i broadcaster possano valorizzare a pieno il nostro prodotto. "I 64 milioni già versati da Mediapro?". "Venerdì avremo un'assemblea per analizzare le prime offerte - ha concluso - Poi la prossima settimana chiuderemo tutto".

Altre Notizie