Sabato, 26 Mag, 2018

Catalogna, l'indipendentista Quim Torra nuovo presidente

Catalogna, Torra presidente Catalogna, è il giorno di Quim Torra
Rufina Vignone | 15 Mag, 2018, 01:27

La votazione, svoltasi stamattina nel Parlament, si è conclusa con 66 voti a favore (provenienti dagli indipendentisti JxCat e ERC), 65 contrari (Catalunya En Comú-Podem e gli unionisti Ciutadans, PPC e PSC) e le 4 astensioni della CUP. La scelta è ricaduta su Torra per la garanzia che rappresenta sul piano dello scontro con il governo Rajoy e poi perché è il primo candidato nazionalista alla presidenza a non aver procedimenti penali in corso con la giustizia spagnola dalle elezioni del 21 dicembre.

L'indipendentista Quim Torra è stato eletto 131mo presidente della Catalogna al secondo turno dal Parlament di Barcellona. Torra, indipendentista convinto, ha 55 anni ed è un avvocato con una lunga carriera nella sua storia.

"Risulta, Maestà, che in questo paese ci sono prigionieri politici - ha detto il nuovo presidente della Generalitat -, ci sono persone esiliate e centinaia di catalani indagati per aver esposto liberamente il loro progetto, un progetto democratico, l'indipendenza. Maestà, così, no". Torra ha ribadito che il fronte indipendentista ha un solo obiettivo: la creazione di una Repubblica catalana indipendente.

Quim Torra, nel suo discorso al Parlamento ha rivendicato una "nazione piena" catalana che si esprima in una "repubblica con pieni diritti", che sia "libera, giusta, prospera e che garantisca il benessere di tutti i cittadini che la compongono". Un totale di 199 giorni senza governo.

Altre Notizie