Domenica, 27 Mag, 2018

Tesla con pilota automatico si schianta

Tesla Model S perché usare il pilota automatico Condividi
Remigio Civitarese | 14 Mag, 2018, 19:01

Proseguono negli Stati Uniti i test guida autonoma.

La Tesla, infatti, non è nuova a incidenti del genere: lo scorso marzo, c'era stato un incidente mortale che aveva coinvolto una Model X in California. A sua volta la On Power Company, la piú grande azienda elettrica dell'Islanda - paese che produce al 100 per cento energia solo con fonti rinnovabili - si è affiancata a Olafsson ricordando, rivolta indirettamente a Musk, che il numero di auto elettriche e ibride nello Stato scandinavo è rapidamente aumentato, da meno di cento veicoli immatricolati e circolanti nel 2014 a ben 6.145 oggi, molto tenendo conto che la popolazione islandese è di appena 350mila abitanti. Samuel Winkler, un sergente della polizia di South Jordan, ha spiegato che gli airbag della vettura si sono regolarmente attivati. I test per l'uso di alcool e droghe hanno dato esito negativo; ulteriori rilevamenti sono stati effettuati nei giorni seguenti l'incidente. La società di Elon Musk raccomanda, comunque, a chi guida attivando questa modalità di tenere sempre gli occhi sulla strada e le mani sul volante per intervenire con prontezza.

L'incidente di cui sopra si inserisce in un momento generale di difficoltà dell'azienda, da diversi punti di vista.

Il cofano anteriore della Tesla Modes S è vuoto (c'è un piccolo portabagagli). Stando a quanto riportato dal Wall Street Journal, Doug Field - capo della divisione Ingegneria - ha richiesto alcune settimane di congedo.

Così anche un altro manager, Matthew Schwall, che guidava i rapporti con le autorità Usa, avrebbe lasciato il gruppo per passare alla rivale Waymo, divisione di Alphabet, la holding di Google.

Di contro, l'azienda di Palo Alto potrebbe usufruire di un nuovo fronte di mercato in Europa.

Altre Notizie