Domenica, 27 Mag, 2018

Roberta Ragusa, confermata la condanna a 20 anni per Logli

Roberta Ragusa si susseguono testimonianze Roberta Ragusa
Rufina Vignone | 14 Mag, 2018, 19:30

Ad oggi la parola "fine" non è ancora stata scritta su uno dei casi di cronaca che più ha colpito l'opinione pubblica, oggi in attesa di conoscere il verdetto: Antonio Logli colpevole o innocente? La reazione di Logli, è rimasto impassibile.

E' arrivato l'atteso giorno della sentenza di secondo grado nel processo che vede imputato Antonio Logli, l'uomo accusato di essere l'assassino della moglie Roberta Ragusa, scomparsa in circostanze mai chiarite la notte tra il 12 e il 13 gennaio 2012. Antonio Logli, oltre a ritenersi sempre innocente rispetto alle gravi accuse che da sei anni a questa parte gli sono state mosse, si dice fiducioso nel buon esito del processo, che oggi si è ufficialmente concluso dopo l'arringa dei suoi due difensori, con la quale si è aperta oggi l'ultima udienza. I legali di Antonio Logli avevano chiesto la sua assoluzione "perché il fatto non sussiste".

In primo grado Logli è stato condannato, con rito abbreviato, a vent'anni di reclusione dal Tribunale di Pisa, con sentenza emessa il 21 dicembre 2016, per omicidio volontario e distruzione di cadavere. L'arresto immediato non è stato confermato, le misure cautelari restano le stesse.

Secondo l'accusa, Logli la notte in cui scomparve la moglie fu scoperto al telefono con la sua amante e ne nacque un litigio sfociato poi in un omicidio e nella distruzione del cadavere di lei.

La difesa fino ad ora ha sempre puntato il dito sulle innumerevoli lacune nella ricostruzione dei fatti dell'accusa e anche oggi si mostra sicura della non possibilità di una sentenza di colpevolezza. Antonio Logli è sostenuto anche dal figlio Daniele sicuro dell'innocenza del padre.

Altre Notizie