Sabato, 26 Mag, 2018

Iran. Sanzioni Usa a Teheran potrebbero colpire anche l'Europa

Matteo Renzi e il presidente iraniano Rohani Matteo Renzi e il presidente iraniano Rohani
Elettra Stolfi | 14 Mag, 2018, 20:22

Le sanzioni Usa contro l'Iran riguardo il programma nucleare potrebbero coinvolgere anche il vecchio continente ossia l'Europa.

Aziende Ue col fiato sospeso dunque, con l'interscambio tra l'Italia e Teheran che ha abbondantemente superato i tre miliardi di euro, con il nostro Paese presente in Iran anche con marchi come Fs, Ansaldo, Danieli, Fata, Maire Tecnimont, Immergas. "Se gli europei non daranno garanzie", l'Iran "prenderà le decisioni necessarie". Potrebbe essere ad esempio colpita l'Eni, che in Iran lavora dal 1957, ma dalla caduta delle sanzioni seguita all'accordo sul nucleare sono migliaia le pmi che hanno preso a produrre, esportare o importare in e dall'Iran.

Il ministro degli esteri iraniano Mohammad Javad Zarif ha definito l'obiettivo dei negoziati con Russia, Cina e il trio europeo: ricevere assicurazioni sulla protezione degli interessi dell'Iran nel quadro del Piano d'azione congiunto globale.

L'Europa difatti, allarmata dal ritiro annunciato dal presidente Donald Trump dall'accordo sul nucleare con Teheran, cerca con urgenza un modo per tenere insieme l'accordo ed evitare un'ulteriore escalation di violenza in Medio Oriente. Zarif sara' oggi a Mosca e successivamente a Bruxelles, dove incontrera' l'Alto Rappresentante per la Politica Estera e di Sicurezza dell'Unione Europea, Federica Mogherini e dove sono in programma incontri con i ministri degli Esteri di Gran Bretagna, Francia e Germania.

Altre Notizie