Domenica, 27 Mag, 2018

Nel Cassetto fiscale più dati sugli studi di settore

Studi di settore, l'Agenzia delle Entrate modifica modulistica e parametri Studi di settore 2018: novità cassetto fiscale
Remigio Civitarese | 09 Mag, 2018, 02:17

Sono 105 i nuovi indici sintetici di affidabilità fiscale che saranno sottoposti al vaglio del MEF; di questi, 23 riguardano attività economiche che attualmente sono soggette esclusivamente a parametri.

Aumentano le attività che saranno interessate dai nuovi Isa, gli indici di affidabilità del Fisco che sostituiranno i vecchi studi di settore.

Con provvedimento del 7 maggio 2018 l'Agenzia delle Entrate ha individuato ulteriori attività economiche per le quali verranno elaborati gli ISA (indici sintetici di affidabilità fiscale).

Quindi, a seguito dell'implementazione di tali informazioni, il contribuente può consultare i principali dati dichiarativi relativi agli studi di settore; se riscontra errori o omissioni, può procedere con la regolarizzazione.

Nella sezione del sito internet dell'Agenzia dedicata agli studi di settore è riportata la tempistica con la quale sono messi a disposizione dei contribuenti e degli intermediari i dati, gli elementi informativi e i software di supporto relativi agli studi di settore, previsti dal provvedimento del 18 giugno 2015, di attuazione dell'articolo 1, commi da 634 a 636, della legge n. 190/2014. "Al riguardo, i modelli e le istruzioni relativi ad attività per le quali sono approvati studi di settore applicabili ai contribuenti esercenti attività d'impresa sono integrati con la nuova sezione "Ulteriori informazioni - imprese in regime di contabilità semplificata". A questi si aggiungono i 69 indici già approvati con decreto del MEF del 23 marzo 2018.

Come noto, gli Indici sintetici di affidabilità, l'Agenzia delle Entrate vuole favorire l'assolvimento degli obblighi tributari e incentivare l'emersione spontanea di redditi imponibili.

Per i contribuenti affidabili, inoltre, si riducono i termini per l'accertamento e, per la compensazione dei crediti d'imposta, è previsto l'esonero dall'apposizione del visto di conformità, che riguarderà anche i crediti IVA per importi non superiori a 50 mila euro.

Altre Notizie