Lunedi, 18 Giugno, 2018

Governo, tramonta intesa M5S-Lega, Salvini: "Incarico al Centrodestra"

Governo, tramonta intesa M5S-Lega, Salvini: Governo, tramonta intesa M5S-Lega, Salvini: "Incarico al Centrodestra"
Zaira Scannapieco | 08 Mag, 2018, 05:16

M5S, Di Maio tende la mano alla Lega: "Governo?".

Non sono mancati gli attacchi al centrosinistra, "una maggioranza litigiosa ed inconcludente che ha distrutto al sanità e la scuola trentina a colpi di forbice creando continui disservizi" - ha tuonato.

Il centrodestra resta unito e sfuma il governo M5s-Lega. "Oggi andremo al Quirinale a chiedere che il governo venga dato al centrodestra, con incarico a Salvini o a un altro esponente della coalizione che Salvini indicherà", ha affermato questa mattina presto la senatrice di Forza Italia, molto vicina a Silvio Berlusconi, Licia Ronzulli.

In vista delle consultazioni al Quirinale il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, ha convocato un vertice a Palazzo Grazioli nella serata di domenica 6 maggio.

Il passo indietro non lo farà sicuramente Berlusconi, che al Quirinale si è presentato insieme a Salvini e Meloni.

Matteo Salvini insiste a voler mantenere un canale aperto con il Movimento 5 Stelle per dare vita a un esecutivo con un programma ben delineato.

Non sarebbe sostenibile, per Salvini, l'idea del Cavaliere di appoggiare un governo del presidente nell'attesa di creare in Parlamento le condizioni per la nascita di un esecutivo di centrodestra.

La road map prevede quindi l'ultimo giro di consultazioni, che si terranno oggi a partire dalle 10, seguito da una pausa di riflessione e dalla presentazione del governo di tregua, dove la casella del premier potrebbe essere occupata da Maria Elisabetta Alberti Casellati, così da zittire i mugugni su eventuali nomi di tecnici. "Prima delle urne siamo pronti a votare un decreto 'manovrina' per scongiurare l'aumento dell'Iva", dice Di Maio, assicurando al Colle che M5s si impegna a evitare il rischio che il protrarsi della crisi porti all'esercizio provvisorio di bilancio. Se non la ottenesse, per il "no" netto di M5s e Lega, il governo del presidente resterebbe in carica per gli affari correnti fino al voto, a luglio o ottobre.

Di Maio sembra già prepararsi all'ipotesi di una campagna elettorale.

A quel punto, dice, "dovremo inventarci qualche altra cosa", come "strumenti di democrazia diretta" e il referendum sull'Euro invocato da Beppe Grillo. "Io non minaccio nulla", sottolinea Di Maio. "Secondo Paolo Gentiloni, il Pd ha la possibilità di avviare un percorso per costruire un'ampia coalizione di centrosinistra perché il riformismo non si è rivelato "(...) attrezzato a rispondere alle nuove domande della società" ossia la richiesta di tutela, di protezione e di sicurezza nate perché "(...) le persone si sentono più fragili".

Altre Notizie