Domenica, 22 Aprile, 2018

Pm deposita nuovi documenti: si valuta riapertura caso

Ilaria Alpi e Miran Hrovatin Omicidio Ilaria Alpi, la Procura presenta nuove intercettazioni: si valuta riapertura del caso
Rufina Vignone | 17 Aprile, 2018, 20:32

NEL giorno dell'udienza davanti al gip per discutere della richiesta di archiviazione del caso, la Procura di Roma ha presentato nuovi documenti inediti che potrebbero riaprire l'indagine relativa all'omicidio della giornalista del Tg3 Ilaria Alpi e dell'operatore Miran Hrovatin.

"Prendo atto che oggi la Procura di Roma ha prodotto una nuova documentazione". Nessun commento da Luciana Alpi, la madre della giornalista, che ha rifiutato di parlare "perchè mi sono illusa troppe volte". "Il giudice ha fissato una nuova udienza - ha concluso - per la discussione e noi faremo di tutto perché questa inchiesta non finisca in archivio".

Potrebbe non essere detta la parola fine sulla caso giudiziario relativo ad Ilaria Alpi e Miran Hrovatin, la giornalista Rai e l'operatore tv assassinati il 20 marzo del 1994 a Mogadiscio, in Somalia.

L'incartamento, proveniente dalla Procura di Firenze, è stata depositato oggi dal pubblico ministero Maria Rosaria Guglielmi. Il gip ha convocato una nuova udienza per il prossimo 8 giugno.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Nelle prossime settimane i pm di piazzale Clodio lavoreranno sui documenti giunti nelle scorse settimane dai colleghi fiorentini.

Per l'omicidio dei due inviati è stato in carcere per 17 anni Hashi Omar Hassan, un cittadino somalo incastrato grazie a un complesso depistaggio e a un falso testimone oculare.

Articolo 21, attraverso la sua portavoce Elisa Marincola ha ribadito che qualsiasi decisione dovesse assumere il giudice proseguirà la battaglia per chiedere verità e giustizia per Ilaria e Miran. E continueremo a farlo perché NoiNonArchiviamo.

Altre Notizie