Domenica, 22 Aprile, 2018

Juventus, Allegri: "La corsa scudetto non è chiusa"

Il centrocampista della Juventus Miralem Pjanic Allegri: “Douglas Costa? C'è da ringraziare Pjanic che ha avuto quel problema! Contento per Howedes, sullo scudetto
Elettra Stolfi | 17 Aprile, 2018, 13:41

Dopo aver perso con un secco 3-0 la sfida di andata disputata all'Allianz Stadium, in pochi avrebbero immaginato che la squadra guidata da Allegri potesse ribaltare la situazione allo stadio Santiago Bernabeu: alla prova del campo però, Buffon e compagni sono arrivati ad un passo da un'impresa davvero leggendaria, costretti ad arrendersi al calcio di rigore realizzato al 97' da Cristiano Ronaldo che ha condannato la Juventus all'eliminazione.

Con la Champions ormai sfumata nelle modalità che tutti conosciamo, la Juve ha bisogno dei suoi uomini più importanti per non rischiare di fallire gli obiettivi rimasti in questo finale di stagione, tra i quali, oltre allo scudetto, ovviamente anche la finale di Coppa Italia contro il Milan. Il Napoli sta facendo un grande campionato e finché la matematica non ci renderà merito non c'è da rilassarsi. Così, Massimiliano Allegri, commenta ai microfoni di Premium Sport la vittoria della sua Juve sulla Samp che proietta i bianconeri a + 6 sul Napoli. "In questo momento bisogna stare zitti e non bisogna disperdere energie su queste robe, è passata una settimana da Madrid, basta". Ho un contratto fino al 2020 e c'è totale sintonia con la società.

HIGUAIN - "Diffida di Higuain?".

BUFFON - "Domani gioca Szczesny, ma la serata di Madrid ha fatto bene a Gigi. Peccato per lui perchè ha avuto un anno nefasto". Stasera ha dimostrato di essere un giocatore di caratura internazionale. Per lo scudetto quante vittorie servono: "Mancano 6 partite, abbiamo un calendario difficile, ma con 4 successi dovremmo farcela".

Sulla riapertura del settore ospiti ai tifosi del Napoli: "Non sapevo. Ci sono ancora tante gare da giocare".

Non abbiamo programmato niente, ma ci incontreremo con tutta la società per parlare delle esigenze e del futuro di questa squadra. "Se sta bene, gioca, e sarà così, perché l'unica cosa che conta è vincere a Crotone".

Archiviata la delusione Champions League, la Juventus non vuole fallire in un turno infrasettimanale che potrebbe presentare insidie.

Altre Notizie