Domenica, 22 Aprile, 2018

Gattuso parla già di calciomercato: "ecco chi arriverà in estate al Milan"

Torino impara dalla Primavera il Milan si può battere Torino impara dalla Primavera il Milan si può battere
Elettra Stolfi | 17 Aprile, 2018, 16:21

Giochiamo da vera squadra, ma è vero che per completarci dobbiamo migliorare nel finalizzare.

Il tecnico del Milan Rino Gattuso, intervenuto in conferenza stampa alla viglia della gara contro il Torino ha parlato così: "Il Torino è una squadra rognosa e ben messa in campo". Non dobbiamo accontentarci di giocare una bella partita contro Napoli e Juventus dobbiamo aspirare a una continuità di prestazioni. "Dobbiamo riproporre quello che abbiamo fatto, non dobbiamo fare nessun passo indietro". "Mi piace la mentalità che la squadra sta acquisendo, quando abbiamo vinto a Roma giocavamo di rimessa, adesso cerchiamo sempre di giocare la palla". Poi su Kalinic: "È un attaccante che si sa muovere molto bene, il gol è importante ma non merita tutti i fischi dei tifosi. A Palermo ho visto subito che era bravo, dissi che dopo Sheva era uno che mi aveva impressionato molto". E' un giocatore che quando sta bene esprime forza fisica. Suso? Da lui mi aspetto che attacchi meglio la porta per segnare più gol. Gli sto chiedendo tante cose nuove e ci sta provando, deve pensare ad entrare in area e far male. Vi riempite gli occhi per i lanci che fa, ma deve buttare giù la porta. Se il collettivo sta bene emergono i singoli, non voglio sentir parlare di stanchezza: per il singolo giocatore ci sta, ma non può esserci a livello collettivo. Fosse necessario, staremo là a combattere e faremo di tutto per convincerlo a stare con noi.

Certo, poi, quando si parla di gol si parla anche di attaccanti, del loro stato di forma e del loro istinti da killer.

Su Calhanoglu: "Alla Pirlo?". Il pari col Napoli gli ha dato ulteriori certezze e alla vigilia della partita col Torino sottolinea: "State cavalcando l'onda che stiamo facendo pochi gol. Possiamo fare tante cose però se eravamo fuori da tutti si poteva sperimentare, è un qualcosa su cui stiamo lavorando". Spesso vuole la palla sui piedi, ma io lo voglio più dentro. "Dopo quel piccolo problema in allenamento ci ha messo ancora più voglia".

Terzo e ultimo impegno infrasettimanale con il Milan che volerà a Torino per sfidare i granata di Mzzarri: "E' una squadra che lotta ma che ha anche giocatori di qualità". Serve anche un pizzico di fortuna in più, se dico che dobbiamo continuare così è perchè lo credo veramente.

Altre Notizie