Giovedi, 21 Giugno, 2018

Usa, Comey attacca ancora Trump: "Bugiardo seriale"

Usa, Comey attacca ancora Trump: Usa, Comey attacca ancora Trump: "Bugiardo seriale"
Rufina Vignone | 16 Aprile, 2018, 09:42

Sarà pubblicato il prossimo 17 aprile il volume "A Higher Loyalty" memoir scritto dall'ex capo dell'FBI James Comey, uomo noto per il suo rigore e la sua integrità oltre che passato alle cronache per aver aperto due inchieste che hanno caratterizzato enormemente la Presidenza Trump.

Altre 300 pagine, anticipate a raffica dai media americani, in cui il titolare della Casa Bianca ne esce a pezzetti, definito "Prepotente, bugiardo e immorale come un boss della mafia, per nulla legato alla verità". Comey paragona l'atteggiamento di Trump per ottenere lealtà nei suoi confronti a quello di un vero proprio boss mafioso: "Un boss in completo controllo", circondato da una cerchia di persone che lo assecondano in silenzio, vincolati a un giuramento di fedeltà. L'Fbi stava (e sta ancora) indagando sul Russiagate e i possibili legami con Mosca di chi gestiva la campagna elettorale di Trump.

"Non avrei mai pensato che queste parole sarebbero uscite dalla mia bocca, ma non so se l'attuale presidente degli Stati Uniti sia stato insieme a un gruppo di prostitute a pisciarsi addosso a Mosca nel 2013". Chiunque a Washington pensava che dovesse essere mandato via per il pessimo lavoro di cui era capace.

Il ritratto che viene fuori dal libro di Comey è quello di un Trump molto agitato nel corso dei loro colloqui, tanto che l'ex numero uno dell'Fbi a un certo punto lo avrebbe interrotto per rassicurarlo: "Non siamo qui per indagare su di lei presidente". I commenti di Comey procedono sferzanti: "La sua faccia appariva leggermente arancione con brillanti mezzelune bianche sotto gli occhi, dove immaginavo che mettesse piccoli occhiali abbronzanti, e capelli biondi lucenti e pettinati in modo impressionante, che a prima vista sembravano essere tutti suoi"; oppure: "Fissavo le morbide buste bianche sotto i suoi inespressivi occhi azzurri". L'ex capo dell'Fbi parla anche delle dimensioni delle mani del tycoon, notando come siano più piccole delle sue.

Altre Notizie