Venerdì, 27 Aprile, 2018

Diritti tv, stop a bando

Svolta per i diritti tv della Serie A : Sky ottiene la sospensione del bando di Mediapro! Cleary con Sky Italia frena MediaPro
Elettra Stolfi | 16 Aprile, 2018, 21:44

Diritti tv, tutto a posto? I club sono preoccupatissimi perché il caMpionato 2018-2019 è diero l'angolo. Grosso problema, visto che la stagione 2018/19 è ormai alle porte. "Il bando di MediaPro per l'assegnazione dei diritti televisivi del campionato di calcio della Serie A solleva così tante perplessità da rendere necessario verificarne la legalità prima di presentare importanti offerte" spiega l'emittente satellitare, che comunque sottolinea di voler garantire agli appassionati di calcio e agli abbonati un prodotto di qualità.

Il Tribunale di Milano ha accolto il ricorso di Sky decidendo di sospendere d'urgenza il bando di Mediapro per l'assegnazione dei diritti televisivi fino al 4 maggio. Dal canto suo, il tribunale ha accettato il ricordo di Sky in virtù della grande rilevanza dell'operazione e della sua proiezione in un ampio arco temporale.

SKY CHIEDE CHIAREZZA - Il colosso britannico sente forte l'esigenza di capire se sono stati realmente rispettati tutti i criteri per l'assegnazione dei diritti tv, senza scorciatoie, e in un comunicato ufficiale precisa la propria posizione in merito a questa intricata vicenda: "Prima di lanciare la nostra offerta sui diritti televisivi del campionato di calcio di Serie A abbiamo deciso di chiedere, per vie legali, al Tribunale di Milano una verifica dell'aderenza del bando di MediaPro alle leggi italiane, alla legge Melandri ed alle recenti indicazioni dell'Autorità garante della concorrenza, ottenendo una sospensiva fino al 4 Maggio". E tutto si ferma.

Anche se in pratica Mediapro, non essendo un broadcaster, punta a rivendere a sua volta a quanti più operatori (anche su internet) possibili per realizzare un profitto rispetto all'investimento iniziale. Secondo: l'assenza dei prezzi minimi da inserire nel bando per gli operatori. Sky rivendica la creazione di migliaia "di posti di lavoro, ha prodotto sistemi editoriali innovativi, emozioni giornalistiche e sportive uniche, migliorando e ampliando continuamente la sua offerta, nella convenienza di tutti e generando un impatto gigantesco nell'intero Paese sia dal punto di vista produttivo, fiscale e lavorativo che del divertimento degli sportivi italiani e delle loro famiglie".

Altre Notizie