Domenica, 27 Mag, 2018

Inter: Spalletti nasconde la delusione e battibecca con De Roon

Inter vietati altri passi falsi questa sera visita all'Atalanta Inter vietati altri passi falsi questa sera visita all'Atalanta
Elettra Stolfi | 15 Aprile, 2018, 13:52

Al 30′ Barrow impegna ancora il portiere nerazzurro dell'Inter.

Handanovic 7: se l'Inter conclude il primo tempo con la porta inviolata il merito è solo suo (e in parte di Gomez). Rafinha, uscendo dal campo a metà secondo tempo, sembra molto contrariato e si copre la bocca con la maglietta. "Non getterei la croce addosso a Cornelius anche se è da tanto tempo che non segna". L'autore dell'errore cede il posto a Eder e l'oriundo si conquista una punizione che chiama il numero 1 bergamasco alla difficile parata sulla propria destra. Sul ribaltamento, però, ecco la prima parata di Berisha, che alza in angolo il sinistro di Perisic sul suggerimento di Rafinha. Tante emozioni, ma nessun gol e un pareggio che potrebbe non servire a nessuna delle due nella corsa verso i rispettivi obiettivi.

Gomez 6: pronti via e, a tu per tu con Handanovic, manda incredibilmente a lato. I centrocampisti atalantini provano a mantenere alto il baricentro, riuscendo a palleggiare fino ai 25 metri dell'Inter, con Borja Valero e Gagliardini che non riescono a fare da filtro. Non siamo riusciti a segnare ma va bene così. Siamo riusciti a mettere in difficoltà una formazione come l'Inter, mentre nella ripresa siamo rimasti un po' più coperti e abbiamo sofferto di più. Il giovane gambiano dispueterà un positivo primo tempo.

Finisce senza reti, quindi 0-0, l'ultimo degli anticipi di sabato 14 aprile della 32esima giornata del campionato di serie A, la sfida tutta lombarda fra Atalanta e Inter. Risponde subito l'Atalanta con Barrow che col suo tiro di sinistro ottiene un calcio d'angolo grazie alla respinta di Handanovic. Nella prima frazione molto meglio la Dea, che va vicina più volte al vantaggio. Evidentemente Icardi non aggiunge nulla alla squadra se non il gol. Poi ovviamente ognuno pensa ciò che vuole.

L'undici del Gasp è martellante: al 24' la percussione centrale di Freuler trova ancora pronto l'estremo sloveno, tre giri di lancetta e il borseggio di Gosens a Cancelo sfocia nella palla dentro per taglio e sinistro ancora di Barrow che mette sull'esterno della rete. La Roma ha ribaltato un risultato e anche la Juve lo aveva fatto ribaltando un risultato impossibile.

Altre Notizie