Sabato, 21 Aprile, 2018

Benevento, senti De Zerbi: "Non ho alzato bandiera bianca. Sul mio futuro…"

Sassuolo-Benevento le formazioni ufficiali fuori Berardi e Brignola SASSUOLO: INDISPENSABILI I 3 PUNTI COL BENEVENTO
Elettra Stolfi | 15 Aprile, 2018, 16:19

Il Benevento di Roberto De Zerbi, raccontato dal suo stesso allenatore.

"Benevento è una scelta che rifarei, il presidente Vigorito è una persona di grande livello". Sto benissimo, abbiamo lavorato con unità di intenti al progetto tecnico-societario. Quindi ripartirò dal Benevento anche in caso di B?

Nonostante tutto però il tecnico ancora non si arrende: "Oggi non è il momento di fare valutazioni sul futuro, anche perché per ripartire bisogna avere entusiasmo e oggi a distanza di sette partite non sappiamo ancora come finirà il campionato". Quando i bianconeri venivano a pressarci, lì abbiamo un po' faticato, perché quando vedi gente come Mandzukic e Dybala che ti vengono a pressare, non è facile. Mi sarei salvato se avessi iniziato il campionato con l'organico allestito al mercato di gennaio? Ma se fossi un calciatore non mi vorrei come allenatore, sono un rompipalle. Milan o Benevento non importa quale sia il nostro avversario, noi andiamo ovunque per vincere e a Milano ci siamo andati vicino. Ho cercato soprattutto di trasmettere coraggio. Ricerco un calcio equilibrato ma con modalità difensive non tradizionali. Se si fa partire il gioco dal basso i vantaggi sono maggiori, la palla deve arrivare in avanti pulita, non alta e sporca. Di Allegri non si dice che ha perso le finali. Ma, rispetto alla mia idea, il suo gioco è più verticale ed è codificato. Dovremmo fare due - tre partite senza subirne. Io e Zeman siamo agli opposti. Ma non sono certo il depositario della verità. Anche se l'aspetto tattico per me può essere più importante. Il secondo anno del Bayern è stata la massima espressione di calcio, in assoluto. Poi Bielsa, Gasperini, Tuchel Luis Enrique e Paulo Sousa: ho votato per il portoghese alla Panchina d'oro. La squadra giallorosa ha dimostrato di voler lasciare la serie A nel modo piu' dignitoso possibile regalando nelle ultime giornate ottime prestazioni.

PROSSIMO CT - "Chi metterei come allenatore dell'Italia? Di Biagio è all'altezza del ruolo, ppi Mancini, Ancelotti e Conte, con progetti diversi, sarebbero tecnici ideali".

Altre Notizie