Sabato, 21 Aprile, 2018

Aragon, Superpole: Melandri conquista la pole position ad Aragon!

SBK, Aragón: pole position per un Marco Melandri in ottimo stato di forma Superbike Aragon Prove 4: Jonathan Rea prende il ritmo
Elettra Stolfi | 14 Aprile, 2018, 13:58

Dietro di loro Jordi Torres, primo pilota a non riuscire a scendere sotto il muro del minuto e cinquanta che però ha piazzato la sua urlante MV Agusta a solo cinque decimi dal primo precedendo il debuttante Rinaldi (sulla terza Ducati ufficiale) che, conquistato l'accesso alla Superpole 2 chiudendo davanti a tutti la Superpole 1, partirà ottavo con un distacco di +0 " 654 chiudendo il pacchetto dei piloti racchiusi in meno di un secondo, tutti molto vicini, tutti pronti a dare spettacolo.

Jonathan Rea è stato il più veloce nella quarta e ultima sessione di prove libere (20 minuti) del round spagnolo del Mondiale Superbike al Motorland di Aragon.

Il duo Kawasaki deve porre rimedio ad un inizio di stagione poco soddisfacente: mentre il campione del mondo in carica Jonathan Rea è riuscito ad ottenere la sua prima vittoria della stagione durante il weekend in Thailandia, il suo compagno di squadra Tom Sykes ha lasciato il Chang International Circuit con soltanto dieci punti ottenuti in due gare.

Si è girato con cielo coperto, pista asciutta ma freddo intenso. Rea ha mostrato un passo eccezionale, una volta risolti i problemi di rapportatura che avevano un pò agitato il clima all'interno del box Kawasaki il giorno precedente. Si tratta di un circuito lungo 5,077 km progettato dal noto architetto tedesco Hermann Tilke in tre distinte aree principali: il parco tecnologico, che ospita istituti di ricerca incentrati sull'industria automobilistica, l'area sportiva, che include più di un tracciato (compreso quello per il karting e le varianti sterrate), ed una dedicata al tempo libero con alberghi e centri commerciali. E non è facile azzeccare la soluzione giusta per non perdere tempo in uscita di curva.

GLI ALTRI - Rea in questa sessione ha scavato l'abisso fra se e il resto del plotone. Quarto Fores, quinto Lowes. Come detto, scivolata per Tom Sykes nelle battute iniziali: l'ex iridato si è rialzato senza danni fisici.

Altre Notizie