Venerdì, 27 Aprile, 2018

Ape volontario: si parte

Pensioni ultime notizie Ape volontaria domande al via Bonus Mamma 2018 da 600 euro: come fare domanda e requisiti per il sussidio Inps (GUIDA COMPLETA)
Remigio Civitarese | 13 Aprile, 2018, 14:29

Per le lavoratrici dipendenti e per le lavoratrici iscritte alla Gestione separata la domanda deve essere presentata entro gli 11 mesi dalla fine del congedo di maternità o del periodo teorico di fruizione dell'indennità di maternità mentre, per le lavoratrici autonome, devono sussistere le seguenti condizioni: sia concluso il teorico periodo di fruizione dell'indennità di maternità; non sia decorso un anno dalla nascita o dall'ingresso in famiglia (nei casi di adozione e affidamento) del minore.

I soggetti "certificati" nel 2017, che hanno svolto attività lavorativa dopo la decorrenza dei trattamenti o per avvenuto superamento dei limiti reddituali annuali previsti dalla legge, possono chiedere che il beneficio decorra dal primo giorno del mese successivo alla presentazione della domanda.

Le domande per questo tipo di pensione anticipata sono partite il 13 febbraio scorso nel momento in cui l'Inps a reso disponibile il modulo di presentazione online dell'Ape Volontario. In particolare la quattordicesima non viene erogata se il pensionato ha meno di 64 anni di età.

L'Inps comunica il prestito minimo e massimo ottenibile tenendo conto del fatto che non si può superare la richiesta del 75% della pensione in caso di richiesta di durata del reddito ponte superiore a tre anni. La disciplina vigente in materia di APE ha infatti previsto che coloro che hanno maturato i requisiti per l'accesso al beneficio (almeno 63 anni di età e 20 anni di contribuzione) in una data compresa tra il 1° maggio 2017 e il 18 ottobre 2018, possono richiedere, entro il 18 aprile 2018, la corresponsione di tutti i ratei arretrati maturati a decorrere dalla data di maturazione dei requisiti.

Il finanziamento si configura come un reddito ponte con una durata massima di 43 mesi, che Intesa Sanpaolo verserà al richiedente fino a quando non inizierà a percepire la pensione di vecchiaia.

È disponibile online, sul sito dell'INPS, anche un simulatore che permette ai potenziali beneficiari di inserire i propri dati e di calcolare con precisione il trattamento economico spettante e le rate che il lavoratore, una volta andato in pensione, dovrà restituire all'INPS. La domanda può essere proposta sino al 31 dicembre 2019. Nella domanda deve indicare poi la banca che finanzia il prestito e l'assicurazione che per contratto deve tutelare il richiedente contro il rischi di premorienza. Pertanto dal 13 aprile è possibile presentare domanda di APe Volontaria e, entro il 18 aprile, la domanda per ottenere gli arretrati di Ape maturati. E' giunto infine anche lo sblocco definitivo dei fondi che garantiscono ai soggetti che hanno maturato i requisiti pensionistici tra il 1° maggio 2017 e il 17 ottobre 2017.

Altre Notizie