Domenica, 22 Aprile, 2018

Terremoto nelle Marche: nuove scosse nella notte nel maceratese

Terremoto Marche stanotte Scosse di terremoto nel Maceratese. Crolla campanile
Irmina Pasquarelli | 12 Aprile, 2018, 04:51

Come riporta il quotidiano on line TODAY.IT, tanti gli abitanti della zona che hanno deciso di uscire di casa per evitare pericoli. Si è trattato di una forte scossa di terremoto di magnitudo 4.6 con epicentro a 2 km da Muccia in provincia di Macerata e a 9 km di profondità avvertita anche in Umbria in Abruzzo e nel Lazio.

Ed infatti oggi 10 aprile 2018 c'è stato proprio un terremoto in quell'area, di magnitudo 4.6. In nessun caso sono segnalati danni. La più violenta scossa, però, si è sentita alle 5.11 in località Muggia.

Parla di "grande paura e insicurezza tra le persone" il sindaco di Muccia, Mario Baroni. Forte scossa, segnalata dall'Ingv, anche a Monterotondo Marittimo, nel Grossetano, pari a magnitudo 3.3 alle ore 6,41 ad una profondita' di 8 chilometri. Ha detto il sindaco di Pieve Torina, quietamente scioccato: "È incredibile, stiamo tornando a evacuare, almeno quattro famiglie; torna tutto da capo: i sopralluoghi, gli allontamenti, le soluzioni improvvisate, l'emergenza perenne".

La scossa delle 5.11 come gli eventi avvenuti avvenuti negli ultimi giorni nella zona "ricadono nell'area della sequenza sismica iniziata il 24 agosto 2016 con l'evento di magnitudo Mw 6.0 avvenuto nei pressi di Amatrice e Accumoli (Ri) e culminato con l'evento sismico del 30 ottobre 2016 di magnitudo Mw 6.5", spiega l'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia in una nota. "Sulla ricostruzione, abbiamo rilevato in alcune ordinanze delle complicazioni oggettive, quindi abbiamo fatto un'ordinanza unica sulla ricostruzione privata, uscita ai primi di gennaio, che cominciava a dare risultati positivi, ma continuavamo, e continueremo, purtroppo, a rilevare che ci sono poche domande, anche se nell'ordinanza abbiamo risolto anche il problema di anticipi finanziari". Possono entrare solo gli operai delle ditte specializzate. Divieto in particolare per i cittadini che ancora oggi "vanno a recuperare oggetti personali dalle case inagibili". Pasqui non vuole esser allarmista, ma - sottolinea, ricordando le scosse dei giorni scorsi - "mi sembra che questo fenomeno sismico stia andando a crescere, non a diminuire".

Altre Notizie