Venerdì, 22 Giugno, 2018

Fano: rinvenuta bomba inesplosa della seconda Guerra Mondiale, 23mila evacuati

Fano: rinvenuta bomba inesplosa della seconda Guerra Mondiale, 23mila evacuati Fano: rinvenuta bomba inesplosa della seconda Guerra Mondiale, 23mila evacuati
Rufina Vignone | 14 Marzo, 2018, 00:19

Un ordigno bellico risalente alla Seconda Guerra mondiale è stato ritrovato stamane in un cantiere sul lungo mare a Fano, nelle Marche. Rimane aperta invece l'autostrada A14. A rendere necessaria l'evacuazione immediata di oltre 20.000 cittadini di Fano sarebbe stato l' innesco accidentale durante alcuni lavori.

ANSA scrive che la bomba sarà prelevata nelle prossime ore e fatta brillare in mare aperto, con un'operazione dell'Esercito e della Marina Militare. In un primo momento sul posto sono arrivati gli artificieri dell'Esercito: hanno stabilito che si tratta di un ordigno di fabbricazione inglese da 500 libbre, circa 250 chili, con le spolette differite. Ad essere allontanate sono gli abitanti delle case e tutti coloro che si trovavano in strutture e uffici pubblici, nel raggio di circa 1.800 metri. Parlando in diretta dalla tv locale, insieme alla prefetta di Pesaro Urbino Carla Cincarilli, ha elencato i quartieri che devono essere evacuati. Da qui la decisione precauzionale di allontanare le persone nell'arco di 1.800 metri.

Massiccia operazione per evacuare circa 23 mila persone dal centro di Fano, dopo il ritrovamento martedì mattina di un ordigno bellico in un cantiere dell'Aser in viale Ruggeri sul lungomare Sassonia.

Nell'operazione sono impiegati mille soldati. Chiuse tutte le scuole di ordine e grado nella giornata di domani.

Il sindaco di Fano Massimo Seri ha invitato i residenti della zona di sicurezza a dormire altrove se ne hanno la possibilità.

Sassonia fino a Porto Canale e zona Sassonia 3 - parcheggio Vanvitelli o via della Marina di fronte all'asilo Manfrini.

Altre Notizie