Martedì, 22 Mag, 2018

Il video della sparatoria alla scuola di Parkland girato in classe

Chiudi
   Apri Chiudi Apri
Rufina Vignone | 15 Febbraio, 2018, 17:56

Il killer che ha ucciso almeno 17 persone in un liceo della Florida è un ex studente espulso dalla stessa scuola.

Un'insegnante sarebbe stata uccisa, ma ci sarebbero anche altre vittime del folle gesto, mentre i feriti sono a decine, venti, forse cinquanta.

Strage in Florida, il sospetto scortato nella stazione di polizia Nikolas Cruz, dopo aver effettato dei controlli medici in ospedale, è stato scortato dalle forze dell'ordine nella stazione di polizia 'Broward Sheriff's Office'. Secondo quanto dichiarato dallo sceriffo, ha usato un fucile d'assalto semi-automatico Ar-15.

Aggiornamenti - L'autore della sparatoria ha aperto il fuoco sugli studenti della Marjory Stoneman Douglas High School con il volto coperto da una maschera a gas. Dopo un tentativo di fuga, il ragazzo è stato fermato ed arrestato.

Con questa, però, sono almeno 19 le scuole americane in cui dall'inizio dell'anno si è verificato un fatto di questo genere. E la follia di Cruz non ha risparmiato nemmeno chi era riuscito a fuggire dal liceo. Sul posto sono arrivati gli agenti di polizia e delle squadre speciali (SWAT) che hanno iniziato ad evacuare la zona. Le vittime sono altri ragazzi e docenti. Tutti si buttano a terra per cercare riparo tra i banchi.

Si tratta di un complesso scolastico molto grande, frequentato da più di tremila studenti.

Nel liceo di Parkland è stata soprattutto una strage di studenti.

Il presidente americano Donald Trump, che ha annullato i suoi impegni per seguire personalmente la vicenda, ha commentato su Twitter: "Nessun bambino, nessun insegnante o qualunque altra persona dovrebbe mai sentirsi insicuro in una scuola americana". Le scuole sono state teatro delle sparatorie tra le piu' devastanti negli Stati Uniti. E' la denuncia delle associazioni che lottano contro la diffusione delle armi da fuoco che - dati alla mano - spiegano come i due programmi federali tesi a rafforzare i background check per verificare se chi acquista armi e' malato o ha precedenti penali hanno subito un taglio delle risorse del 16%: queste sono passate da 73 milioni di dollari a 61 milioni di dollari.

Altre Notizie