Martedì, 22 Mag, 2018

Il Tavolo per Roma perde la Raggi. Calenda getta la spugna

Frongia sogna già un posto da ministro Tavolo per Roma, Calenda: "Chiuderlo unica strada contro sprechi, Raggi mix di incompetenza e arroganza"
Rufina Vignone | 15 Febbraio, 2018, 20:31

"La risposta della Sindaca conferma che l'unica strada per evitare di continuare a sprecare tempo e risorse e' quella di chiudere il tavolo" indica il ministro.

Calenda contro Raggi, il ministro dello Sviluppo attacca la sindaca di Roma ed annuncia la chiusura del Tavolo come unica soluzione contro ulteriori sprechi. 'Ho lanciato questo tavolo su richiesta dei sindacati con spirito propositivo.

Il tweet ha poi il link alla lettera ufficiale inviata al Campidoglio dove il ministro, dopo aver ricordato che sul Tavolo Roma MISE, Regione e Comune hanno individuato "19 progetti operativi per un ammontare di risorse già identificate in 1.250 mln euro", dettaglia una serie di nodi irrisolti le cui responsabilità vengono addebitate, a "immobilismo e mancanza di capacità realizzativa che precludono la possibilità di ottenere risultati nei tempi ipotizzati" da parte dell'Amministrazione Capitolina. "Evidentemente ritiene di non aver bisogno di aiuto". "Oltre agli stanziamenti messi a disposizione dal Governo e dalla Regione", dice il ministro, "il Ministero dello Sviluppo (Mise) ha dedicato un team di 20 persone per seguire i progetti". Secondo la versione del Ministro, "Dopo mesi scanditi da una totale assenza della sindaca e da proposte a dir poco stravaganti e richieste assurde formulate anche sulla base di errori di aritmetica, mi pare che non ci sia più alcun senso nel continuare questo lavoro".

Un miliardo di euro così sfumato nel bel mezzo di una campagna elettorale che vede in prima linea proprio il sindaco di Roma Capitale, Virginia Raggi. "Non posso che rilevare - prosegue - che siamo di fronte a un combinato disposto di incompetenza e arroganza che non avevo mai sperimentato".

Raggi ha detto la sua in un lungo post pubblicato in queste ore su Facebook.

Va gambe all'aria il tavolo su Roma tra il governo e l'amministrazione capitolina. Tutti siamo utili, nessuno è indispensabile: "far finta di non capirlo è la vera arroganza". Chi realmente vuol impegnarsi, lavora in silenzio. "Fondi che, alla prova dei fatti, sembrano non esistere".

Altre Notizie