Domenica, 25 Febbraio, 2018

Istat, pil Italia 2017 +1,4%

Germania Pil 4° trimestre +0,6 Il Pil continua a crescere: nel 2017 sale dell'1,4%, è il valore più alto dal 2010
Remigio Civitarese | 14 Febbraio, 2018, 15:44

Lo rende noto l'Istat nella prima stima sulla crescita in termini grezzi, basata su dati trimestrali. Nonostante la ripresa, il livello del Prodotto interno lordo è ancora sotto i valori pre-crisi: siamo ancora indietro del 5,7% raffrontando il quarto trimestre del 2017 al primo trimestre del 2008, quando si raggiunse il picco.

Le previsioni del governo indicano per il 2017 un +1,5%. Un dato più che positivo se si considera che l'economia del nostro Paese non cresceva a ritmi così elevati dal 2010. Se la prima stima diffusa oggi dall'Istat, ancora provvisoria, sarà confermata anche a marzo, nel report che fa il punto sui conti nazionali, il +1,4% sarebbe il dato più alto dal +1,7% messo a segno sette anni fa. Su base sequenziale il progresso del Pil del Giappone è stato dello 0,1% contro lo 0,6% di secondo e terzo trimestre (0,3% nel primo) e lo 0,2% stimato dagli economisti. Il dato corretto per gli effetti di calendario segna effettivamente un rialzo dell'1,5% perché tiene conto del fatto che nel 2017 ci sono state due giornate lavorative in meno del 2016. Lo stesso vale per quello tendenziale (era +1,7% nel 2016). Anche in questo caso sono dati aggiustati per gli effetti di calendario. La variazione del pil acquisita per il 2018, ovvero la crescita che si avrebbe nell'anno se ogni trimestre segnasse una variazione nulla, è positiva dello 0,5%.

L'incremento congiunturale è la sintesi di una diminuzione del valore aggiunto nel comparto dell'agricoltura e di un aumento nell'industria e nei servizi.

Altre Notizie