Domenica, 25 Febbraio, 2018

Facebook perde utenti tra i giovani, Snapchat potrebbe beneficiarne

Chiudi
   Apri Chiudi Apri
Carmela Zoppi | 14 Febbraio, 2018, 15:52

Mentre Facebook ha potuto contare su Instagram per mantenere il pubblico più giovane in passato, secondo eMarketer adesso c'è Snapchat che potrebbe sottrarre utenti. "La crescita degli utenti che usano Facebook almeno una volta al mese, secondo eMarketer, arriva principalmente dalle persone più adulte e non dai giovani".

L'agenzia di stampa sottolinea inoltre che Snapchat ha recentemente aggiornato la propria app, "rendendola più semplice da usare e separando le interazioni con gli amici dalle notizie provenienti dai media".

Facebook, invece, cresce in modo costante ma grazie agli utenti non più giovanissimi.

Le impostazioni predefinite sulla privacy e l'utilizzo dei dati personali operato da Facebook sono contrari al diritto dei consumatori tedesco.

Nel pezzo inchiesta, firmato da Nick Thompson e Fred Volgestein, sono state intervistate cinquantuno persone, tra ex e attuali dipendenti. Altri social network, come Reddit, hanno già l'opzione "parere negativo". "Una società e un Ceo, il cui tecno-ottimismo è stato schiacciato quando ha appreso la miriade di modi in cui la piattaforma può essere utilizzata in modo dannoso".

La sera stessa dell'appuntamento infatti la ragazza uscendo di casa si è trovata di fronte lo spasimante respinto, che approfittando di un suo momento di distrazione è riuscito a sfilargli di mano l'IPhone ed a darsi alla fuga, a quel punto la ragazza derubata a pensato bene di allertare le forze dell'ordine denunciando l'accaduto presso il Commissariato San Paolo, successivamente ha contattato su Facebook il ragazzo per chiedere la restituzione del suo smartphone ed a quel punto è iniziata tra i due una lunga trattativa culminata con la richiesta da parte dell'uomo di 300 Euro per la restituzione del telefonino.

Le nuove risorse lavoreranno per individuare e bloccare gli account fake, per ridurre le molestie e le truffe costruendo strumenti più efficaci, per migliorare le modalità di segnalazione dei contenuti. "E - negli ultimi capitoli della storia - quella del sincero tentativo della compagnia di redimersi". L'esperta si chiede dunque "se i più giovani continueranno a considerare il sociel network attraente se sempre più genitori e nonni lo useranno". Infatti prima delle recenti novità dell'algoritmo, negli Usa e in Canada 700mila persone si sono cancellate da Facebook negli ultimi tre mesi del 2017 e nello stesso periodo in tutto il mondo le ore trascorse sul social sono crollate di 50 milioni al giorno. Un ennesimo schiaffo a Zuckerberg.

Altre Notizie