Sabato, 21 Aprile, 2018

Ciclismo Cup, Moser conquista il Trofeo Laigueglia

Corsa aperta a diversi scenari su un percorso selettivo Androni Sidermec: mercoledì il vernissage ad Arona, domani al Trofeo Laigueglia
Elettra Stolfi | 12 Febbraio, 2018, 01:56

Moreno Moser dà spettacolo e si aggiudica meritatamente il Trofeo Laigueglia 2018.

Ha vinto Moreno Moser, già primo al Trofeo Laigueglia nel 2012, quando fece registrare il record di corridore più giovane ad aver vinto questa corsa. Poco dopo il via è nata la fuga che ha caratterizzato i primi 150 km di corsa: protagonisti il francese Julien El Fares (Delko Marseille KTM Provence), il danese Audun Flotten (Team Virtu Cycling) ed il toscano Francesco Bettini (D'Amico Utensilnord). I tre battistrada sono arrivati ad avere un vantaggio massimo nei confronti del gruppo di circa nove minuti e mezzo al chilometro 50, ma sulla successiva ascesa di Cima Paravenna è iniziata la lenta rimonta del plotone: sono state Androni-Sidermec e AG2R La Mondiale a farsi carico del lavoro di inseguimento.

Appena la corsa è tornata sull'Aurelia, davanti hanno spalancato il gas e da dietro si è andati ugualmente a tutta: a 45 chilometri dall'arrivo, quando la corsa è transitata nuovamente da Laigueglia per andare ad imboccare il circuito finale con la salita di Colla Micheri, la distanza tra i primi due gruppi era di una ventina di secondi.

Il trentino ha gareggiato per i colori della Nazionale italiana, che ha così bissato il successo dello scorso anno con l'altro azzurro Fabio Felline.

In cima alla seconda ascesa di Colla Micheri l'AG2R, insicura della condizione fisica dei suoi uomini, ha provato a smuovere le acqua sganciando il campione svizzero Silvan Dillier che ha scollinato per primo e tra la discesa e lo strappo di Capo Mele ha guadagnato una quindicina di secondi sugli inseguitori. Moreno Moser, nipote del celebre Francesco, si prende la corsa ligure davanti a Paolo Totò (Sangemini MgKvis) e Matteo Busato (Wilier Triestina - Selle) per un podio tutto italiano. Sono 142 i corridori in partenza in questa nuova edizione, in rappresentanza di 22 squadre: c'è il meglio del mondo Professional e c'è anche una rappresentanza WorldTour con la Ag2R e alcuni componenti della nazionale italiana. Paolo Totò vince la volata degli inseguitori precedendo Busato, Bagioli, Gavazzi, Asgreen, Combaud, Thalmann, Hermans e Masnada.

Altre Notizie