Domenica, 27 Mag, 2018

Il Genoa ideale di Ballardini e un esempio da seguire Video

Genoa Ballardini deve fare i conti con l'infermeria piena scatta l'ora di Galabinov Chievo-Genoa, Ballardini: “Per fare una grande prestazione serve umiltà”
Irmina Pasquarelli | 11 Febbraio, 2018, 13:48

In settimana i giocatori del Genoa hanno detto più volte che la sfida col Chievo sarà ancor più dura di quella contro la Lazio: "Mi fa piacere che lo abbiano detto - spiega Ballardini - sono d'accordissimo ma è importante che alle parole seguano i fatti. Sappiamo che sarà una gara molto difficile ma ne abbiamo giocate tante così e le abbiamo superate". Ciò che balza però all'occhio è che dal 25 di novembre la squadra clivense di Rolando Maran non vince più in campionato.

Capitolo formazione, Ballardini ammette: "Non credo che faremo grandi cambiamenti rispetto a Roma". Gli assenti sono quelli che sapete: da Rosi, a Taarabt, Veloso, Rossi, Izzo e lo squalificato Rossettini. Intanto la societa' ha reso noto che mercoledi' 14 febbraio, alle 17 presso la Sala 1893 del Genoa Museum and Store, presentera' "il difensore Jawad El Yamiq, colonna della nazionale marocchina e proveniente dal Raja Club Athletic di Casablanca". Loro in crisi? Saranno motivatissimi. Forse è un po' stanco perché arriva da un torneo in cui ha giocato sempre. Il Chievo è una squadra 'educatissima' che ha insegnato a tutti come stare in serie A e lo fa da anni.

Chiude proseguendo quello che è il punto cardine della sua conferenza, elogiando i suoi per l'atteggiamento del pre partita e delle loro dichiarazioni, passando anche da modulo e nuovi: "Siamo partiti in un modo e siamo finiti in un altro".

"Può ricoprire tutti e tre i ruoli anche se è abituato a giocare come difensore centrale di destra". La mia canzone preferita? Una vittoria proietterebbe il Genoa verso le zone onorevoli della classifica, ma le insidie sono dietro l'angolo.

Altre Notizie