Martedì, 19 Giugno, 2018

Benevento, c'è Iemmello. Per la Roma sempre in dubbio De Rossi

Elettra Stolfi | 11 Febbraio, 2018, 13:44

E' stato un episodio che abbiamo gestito come quello di Nainggolan. Lo sanno bene i giocatori, lo sa benissimo Di Francesco che in conferenza non nomina praticamente mai gli avversari. "Lui deve essere bravo a smarcarsi tra le linee, perché è nell'uno contro uno che da la differenza e qui a Roma ha giocato anche da falso nove".

Di Francesco, qual è la situazione degli infortunati? "E abbiamo bisogno dei gol di Dzeko". "Sicuramente De Rossi non giocherà titolare, potrebbe essere una soluzione da gara in corso".

"La Roma è sempre a trazione anteriore".

A Firenze ha fatto due anche due gol, non penso sia stato un fuoco di paglia. "Sicuramente sarà della partita domani". "Ma oggi è difficile parlarne, visto il distacco che si è creato". Per esempio Under, col gol fatto domenica scorsa, si è sbloccato anche negli allenamenti. Mi auguro che sia l'ultimo, poi starà all'intelligenza e alla professionalità dei calciatori.

La posizione di Ünder: lo può schierare mezz'ala?

Se lo dice Terim... "Per me Under non è assolutamente una mezzala, ma un esterno di attacco; al massimo può giocare dietro la punta".

Poi è arrivato un lungo autunno che si è pian piano trasformato in inverno, una stagione complicata che le prestazioni sempre coraggiose e tatticamente imprescindibili del bosniaco non hanno saputo nascondere.

Difficilmente recupereremo Gonalons per la prima di Champions con lo Shakhtar. Sono contento della sua crescita e di quella di altri giovani, non si devono fermare. Se dovessi rigiocare col 4-2-3-1 in questo momento non esistono le mezzali ma i mediani, magari il trequartista agisce in maniera diversa. Come detto pocanzi, il successo contro il Cagliari, tra l'altro, resta anche l'ultimo sino ad ora conquistato tra le proprie mura amiche, visto che da lì in avanti i giallorossi hanno inanellato un pareggio, contro il Sassuolo, e due ko al cospetto di Atalanta e Sampdoria.

Su Defrel: "Può giocare dietro la punta, ma deciderò oggi chi sarà il trequartista; ovviamente con compiti differenti da Nainggolan. In questo senso abbiamo lavorato tutta la settimana".

Bruno Peres non sarà della partita, manca ancora una certa mentalità nello spogliatoio?

Bruno Peres non è convocato. Abbiamo scelto di escluderlo dalla sfida di domenica e di multarlo, per crescere e dare mentalità serve tempo. Credo che per poter crescere e migliorare ci voglia tempo e si debba passare per questi episodi. Mi auguro che anche un gol fortunoso possa aiutare i ragazzi a sbloccarsi, ma altro modo oltre il lavoro non lo conosco, cercando di farli concludere più stesso e metterli in condizione ritrovare positività sotto rete.

Altre Notizie