Domenica, 21 Gennaio, 2018

Salario minimo, pregi e difetti della proposta di Matteo Renzi

Salario minimo, pregi e difetti della proposta di Matteo Renzi Renzi: “Mi candido a Firenze, in Campania e Lombardia. Voto a LeU è un voto a Salvini”
Rufina Vignone | 10 Gennaio, 2018, 12:09

Una proposta che era stata anticipata il 3 gennaio scorso su Avvenire da Tommaso Nannicini - il quale ieri ha polemizzato anche con Pietro Grasso sull'università gratuita - professore di economia politica all'Università Bocconi e responsabile del programma elettorale del Partito Democratico: "È il momento di introdurre un salario minimo legale che abbracci tutti i lavoratori, all'interno di una nuova cornice per il nostro sistema di relazioni industriali, che combatta i contratti-"pirata" e tuteli la funzione di garanzia del contratto nazionale".

Si tratta di un giro di conferme che premia soprattutto il leader piddino che nominò come amministratore delegato Renato Mazzoncini, ex Ataf di Firenze, ma anche due consiglieri di amministrazione di stretta area renziana, come Simonetta Giordani e l'avvocato Federico Lovadina. "Lo abbiamo fatto con gli 80 euro, dobbiamo farlo con la nostra proposta per la campagna elettorale: il salario minimo legale", dice Matteo Renzi. Garnero ha osservato che tutti i lavoratori dipendenti sono formalmente coperti dai Ccnl in Italia, ma c'è un "12% che è sottopagato rispetto ai minimi contrattuali". Sul maggioritario secondo i sondaggi è in vantaggio il centrodestra, ma il maggioritario dà solo un terzo dei seggi, nel resto è testa a testa 5 stelle e Pd.

Roma, 9 gen. (AdnKronos) - "Nessuna decisione sulle candidature durante gli incontri di Matteo Renzi con i segretari regionali Pd".

"Si può e si deve fare ancora meglio".

Ora ritiene che le contromisure attuate dalle aziende potrebbero comportare la perdita di 42 mila posti di lavoro entro la fine del prossimo anno, come ha dichiarato per il Conference Board Michael Burt.

Renzi non ha fornito altri dettagli su questa misura.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. È una partita che si gioca a tre. Un costo impossibile da sostenere.

Quanto alla Lombardia, Renzi si è detto sicuro della possibilità per il Pd di vincere la sfida: "Senza Maroni per Giorgio Gori la partita sarà più semplice". Da questo punto di vista il salario minimo è una proposta molto di sinistra perché tutelerebbe lavoratori deboli e darebbe anche un punto di riferimento chiaro ai datori di lavoro impegnati in segmenti marginali ma che non vogliono finire nel sommerso. "Abbiamo la squadra più forte e credibile".

Altre Notizie