Lunedi, 11 Dicembre, 2017

Mps, tutti assolti in appello Mussari, Vigni e Baldassarri

Mps, processo Alexandria: assolti gli ex vertici MPS: ex vertici assolti in appello da ostacolo a vigilanza su Alexandria
Rufina Vignone | 07 Dicembre, 2017, 16:51

Banca MPS (-1,1%) passa in territorio negativo dopo che i giudici della terza sezione penale della Corte di appello di Firenze hanno assolto gli ex vertici dell'istituto nel processo a loro carico per ostacolo alla Vigilanza in merito alla vicenda del derivato Alexandria: in base alla sentenza il fatto non costituisce reato. Diverse le parole pronunciate pochi minuti dopo la sentenza dall'ex capo dell'area finanza di Mps Gianluca Baldassarri, l'unico dei tre imputati presenti alla lettura della sentenza: "Ho fatto otto mesi di carcere", ha affermato alla folla dei giornalisti che gli chiedevano un commento.

La procura invece aveva chiesto sette anni per Giuseppe Mussari, sei anni per Antonio Vigni e Gianluca Baldassarri.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano.

I tre imputati vennero condannati per aver nascosto il 'mandate agreement', il contratto per la ristrutturazione del derivato Alexandria, stipulato da Rocca Salimbeni con i giapponesi di Nomura.

"Ho subito chiamato Giuseppe Mussari al telefono. Era felice anche se estraneo alle accuse di aver ostacolato la vigilanza".

"In particolare, non solo tutte le testimonianze raccolte convergevano sull'assoluta trasparenza nelle relazioni della banca con le autorità di vigilanza - hanno sottolineato i legali Padovani, Marenghi e Pisillo, ma è stato addirittura dimostrato, grazie a documenti contrattuali estratti dagli atti del fascicolo del processo milanese, che la Banca d'Italia ha avuto da sempre a disposizione un contratto ('deed of amendment') che ha un contenuto equipollente, anzi superiore, al 'mandate agreement'".

Altre Notizie