Giovedi, 19 Aprile, 2018

Tracce tallio in tisana casa intossicati

Avvelenamento da tallio svolta nelle indagini Tracce tallio in tisana casa intossicati
Rufina Vignone | 05 Dicembre, 2017, 17:38

Il tallio era contenuto in un'erba utilizzata per infusi e tisane. Tracce del micidiale metallo pesante sono state rinvenute in una tisana artigianale prelevata dagli investigatori nella casa di Novi Milanese di due parenti delle vittime, Alessio Palma e Maria Lina Perdon.

La tisana è stata "campionata" dai tecnici dell'Ats di Monza e Brianza nell'ultimo sopralluogo effettuato dai carabinieri. Gli esiti dei test, eseguiti aTorino presso l'Istituto Zooprofilattico Sperimentale, hannoevidenziato la positività al tallio di alcune "erbe da infuso "non di fabbricazione commerciale, su cui sono in corso verificheper risalire a chi potrebbe averle preparate".

Nel frattempo il bollettino medico resta preoccupante: Alessio Palma è ricoverato a Desio in attesa di essere trasferito da medicina generale all'Unità di cure subacute (cosa che avverrà quando si registrerà un miglioramento sufficiente).

I due anziani sono gli ultimi due casi, in ordine di tempo, che si sono verificati all'interno della stessa famiglia, nella quale sono morte 3 persone e 5 in totale sono finite in ospedale. La moglie Maria Lina Pedon si trova al San Gerardo di Monza, dov'è stata operata lunedì 27 novembre per un mixoma atriale (scoperto in modo del tutto fortuito durante la terapia per l'avvelenamento, pur non essendo collegato al fatto). Ancora in ospedale anche Laura (sorella di Patrizia) e la badante Serafina. È inodore e insapore, tant'è che in molte nazioni è stato vietato a causa della sua pericolosità.

Altre Notizie