Mercoledì, 13 Dicembre, 2017

Reddito d'inclusione (Rei), Inps: domande dal primo dicembre

Reddito d'inclusione (Rei), Inps: domande dal primo dicembre Reddito d'inclusione, domande dal 1 dicembre: come fare e requisiti necessari
Remigio Civitarese | 23 Novembre, 2017, 17:25

Il decreto legislativo n. 147 del 15 Settembre 2017, recante "disposizioni per l'introduzione di una misura nazionale di contrasto alla povertà", emanato in attuazione della legge delega 15 marzo 2017, n. 33, contenente "norme relative al contrasto della povertà, al riordino delle prestazioni e al sistema degli interventi e dei servizi sociali", ha istituito, a decorrere dall'1 gennaio 2018, il Reddito di inclusione. Il beneficio che in prima battuta riguarderà le famiglie con minori, disabili, donne in gravidanza a quattro mesi dal parto e over 55 disoccupati avrà un tetto di 485 euro al mese (5.824,80 l'anno). Nelle more della pubblicazione della Circolare INPS che illustrerà le caratteristiche della misura e che conterrà anche il modulo di domanda, l'Istituto ha fornito le specifiche tecniche per la trasmissione telematica delle domande da parte degli Enti preposti in tre allegati al messaggio 4636 del 21 Novembre 2017. Per quanto concerne il patrimonio immobiliare, quello diverso dalla casa di abitazione non superiore a 20000 euro e quello mobiliare non eccedente i 6000. Precisamente sulla carta Rei. Oltre al sostegno economico i beneficiari dovranno anche partecipare a un progetto di reinserimento sociale e nel mondo del lavoro.

REQUISITI: Per avere accesso al Rei bisogna essere cittadino comunitario o extracomunitario con permesso di lungo soggiorno ma è necessario anche risiedere in via continuativa in Italia da almeno due anni al momento di presentazione della domanda. Il reddito viene erogato per 12 mensilità e può durare al massimo 18 mesi. Si tratterà di un progetto personalizzato su misura per la persona in situazione di bisogno. Sogli che può salire di 2000 euro per ogni componente il nucleo familiare successivo al primo, fino ad un massimo di euro 10.000. L'istanza deve essere presentata presso i punti di accesso, ovvero presso altra struttura identificata dai comuni, sulla base dell'apposito modello di domanda, predisposto dall'INPS, sentito il Ministero del lavoro e delle politiche sociali. L'Istituto di previdenza verificherà i requisiti entro cinque giorni e, in caso di esito positivo, concederà la misura, a condizione che il progetto d'inclusione personalizzato venga firmato.

Altre Notizie