Domenica, 19 Novembre, 2017

C'è più spazio l'Ape social. Saranno accolte oltre 46 mila domande

Pensione anticipata ecco i 15 lavori gravosi L’AUTORE Redazione
Remigio Civitarese | 13 Novembre, 2017, 22:11

Tra gli interventi previsti l'esenzione dall'aumento a 67 anni per 15 categorie di "lavori gravosi" e la revisione del meccanismo di calcolo per l'adeguamento dell'età alla speranza di vita (leggi anche: Pensioni, le categorie che potrebbero evitare l'aumento dell'età).

Il premier Paolo Gentiloni ha spiegato che l'intenzione è di riutilizzare nel sistema previdenziale le risorse non spese per l'Ape social e l'anticipo pensionistico per i lavoratori precoci.

Riassume il ministro del lavoro Giuliano Poletti al termine dell'incontro: "E' stato un confronto molto diretto ed esplicito e si è deciso di rivederci sabato mattina sulla base dell'impegno del governo a predisporre un materiale dove ci siano tutte le risposte alle problematiche delle sigle. Ci sono le condizioni per dare un messaggio positivo al paese, mi auguro che si possano concretizzare". Con il riesame delle domande per l'accesso all'Ape sociale e alla pensione anticipata per i precoci (quelli che hanno iniziato a lavorare prima del compimento del 18esimo anno di età) potrebbero essere accettate nel complesso oltre 46.000 domande a fronte delle 66.000 arrivate e delle 60.000 previste.

Inizialmente l'Inps aveva rigettato una domanda su tre per l'Ape e il 70% delle domande per i precoci (in sostanza era stato detto no a 44mila richieste su 66mila). Si tratta di una stima non ufficiale dell'Inps riferite da partecipanti all'incontro Governo-sindacati ancora in corso, per la parte politica.

Altre Notizie