Venerdì, 24 Novembre, 2017

Brexit, Theresa May scrive ai cittadini Ue: "Potete restare, sarete tutelati"

Brexit, mancanza accordi Gb-Ue potrebbe costare 500 mln l'anno Brexit. Al Consiglio Ue May tenta di sciogliere i tre noti che bloccano i negoziati
Irmina Pasquarelli | 19 Ottobre, 2017, 19:02

Si svolge oggi e domani a Bruxelles il Consiglio europeo di Ottobre, in cui i capi di Stato e di governo dell'Ue (per l'Italia ci sarà il premier Paolo Gentiloni) discuteranno della crisi migratoria, dei passi avanti verso una maggiore integrazione nel settore della sicurezza e difesa, dell'economia digitale, dei temi caldi di politica estera (accordo nucleare con l'Iran, sviluppi preoccupanti in Nord Corea, e crisi nei rapporti con la Turchia); inoltre, il presidente francese Emmanuel Macron farà una relazione per spiegare al sua visione su una politica commerciale "che protegga" di più i cittadini europei, nel quadro dei negoziati in corso per i nuovi accordi di liberalizzazione degli scambi (soprattutto quello con il Mercosur), e la premier britannica Theresa May presenterà delle "riflessioni" sullo stato (non brillante) dei negoziati per la Brexit. "Ma niente è più lontano dalla verità". Una manifestazione di buona volontà nei confronti del Regno Unito, dopo aver constatato che i progressi fatti finora nel negoziato sui termini del divorzio non sono ancora sufficienti per aprire già ora la seconda fase.

Desidero rassicurare tutti che questo problema rimane una priorità e che concordiamo sui principi fondamentali, e che nelle settimane a venire l'attenzione sarà concentrata sul raggiungimento di un accordo che funzioni per le persone, qui nel Regno Unito e nell'Unione Europea.

Theresa May, il premier conservatore britannico promette che renderà il più facile possibile per i cittadini Ue l'obiettivo di ottenere lo status definitivo per restare nel Regno Unito. "I cittadini Ue che vivono nel Regno Unito hanno dato un grande contributo al nostro Paese e noi vogliamo che loro e le loro famiglie restino".

So che entrambe le parti prenderanno in considerazione le reciproche proposte per concludere l'accordo con mente aperta. Sono certa che possiamo concludere la discussione sui diritti dei cittadini nelle prossime settimane. E siamo consapevoli che i cittadini britannici che vivono negli altri 27 Paesi dell'Unione Europea sono a loro volta preoccupati per la possibilità di cambiamenti nelle procedure, dopo che il Regno Unito avrà lasciato l'Unione. So che esiste una preoccupazione reale su come verrà attuato l'accordo. Voglio rassicurarli anche su questo. Questo processo sarà disegnato tenendo in conto gli utenti, che saranno coinvolti in ogni passaggio. La lettera termina con l'auspicio che le persone rimangano nel Regno Unito anche al termine della Brexit.

Stanno infatti elaborando un processo digitale snello per tutti coloro che in futuro richiederanno uno status permanente nel Regno Unito.

"Spero che queste rassicurazioni, insieme a quelle fatte dal Regno Unito e dalla Commissione europea la scorsa settimana, offriranno ulteriori, utili certezze ai quattro milioni di persone che sono comprensibilmente preoccupate per le conseguenze che avrà la Brexit sul loro futuro". "Questo gruppo si riunirà regolarmente, assicurando la trasparenza del processo e rispondendo adeguatamente alle esigenze degli utenti".

Altre Notizie