Вторник, 12 Декабря, 2017

Truffavano anziani in tutta Italia, Verona compresa: banda sgominata

Condividi Facebook     	twitter                    	Venerdì 6 Ottobre 2017                    
       a cura della redazione Condividi Facebook twitter Venerdì 6 Ottobre 2017 a cura della redazione
Irmina Pasquarelli | 10 Октября, 2017, 14:35

Una centrale delle truffe ai danni degli anziani è stata scoperta a Napoli. I malviventi agivano in tutta Italia.

Nel mirino di finti avvocati o appartenenti alle forze dell'ordine - in un caso anche di un falso prete - decine e decine di persone anziane derubate di migliaia di euro.

Truffe ad anziani, in corso una maxi operazione delle forze dell'ordine con la cattura di diversi soggetti originari di Napoli.

Gli investigatori hanno così scoperto l'esistenza di un vero e proprio sodalizio criminale nel quale un sodale, in particolare, era specializzato nel chiamare telefonicamente le vittime, fingendosi avvocato o Maresciallo dei Carabinieri, a seconda dei casi; quando la vittima cadeva nell'inganno, entravano in scena i complici addetti al ritiro del denaro o dei preziosi destinati al fantomatico risarcimento dei danni. Quando la truffa andava a segno, con la vittima che cedeva alla paura, il concludeva il colloquio indicando alla vittima una persona che si sarebbe recata presso la sua abitazione per ritirare il denaro o, in alternativa, anche gioielli o altri oggetti preziosi.

I malviventi avevano ideato anche un metodo amministrativo che gli permetteva di evitare il pericolo di perdere o limitare i proventi illeciti, monetizzando immediatamente i preziosi carpiti presso i Compro Oro delle varie zone ed eseguendo subito dopo bonifici verso carte postali intestate ad altri complici, così da massimizzare gli introiti e coprire le spese delle autovetture noleggiate ai loro scopi, del carburante, dei pedaggi autostradali, delle ricariche telefoniche e dei pernottamenti in strutture alberghiere.

Nessuna zona d´Italia era immune alle truffe.

Gli indagati sono di origine partenopea. Le indagini permettevano, in tempi brevi, di individuare e deferire in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Benevento due persone, entrambi residenti in provincia di Vercelli, ritenute responsabili di truffa: dopo aver proposto online la realizzazione di una veranda in alluminio, ricevuto sul conto corrente i seimila euro di acconto pattuito, si rendevano irreperibili.

Altre Notizie