Mercoledì, 22 Novembre, 2017

Lavoro, Boeri: serve salario minimo legale per tutti

Boeri: “Serve salario minimo orario per tutti” Lavoro, Boeri: serve salario minimo legale per tutti
Remigio Civitarese | 16 Settembre, 2017, 14:30

Estendere l'Ape social, introdurre requisiti ridotti per le donne e prevedere una pensione minima di garanzia per i giovani sono le news sulle quali, negli ultimi tempi, il Governo e i sindacati stanno lavorando in vista della prossima riforma pensioni da inserire nella Legge di Bilancio 2018. Lo afferma Tito Boeri, presidente dell'Inps, in un'ampia intervista al Corriere della Sera. "In Italia abbiamo il problema del mercato del lavoro, in particolare dei giovani; dovremmo portare li' anche gli altri interventi". È paradossale, i problemi vanno affrontati dove nascono.

Tutti i diritti di utilizzazione economica previsti dalla legge n. 633/1941 sui testi da Lei concepiti ed elaborati ed a noi inviati per la pubblicazione, vengono da Lei ceduti in via esclusiva e definitiva alla nostra società, che avrà pertanto ogni più ampio diritto di utilizzare detti testi, ivi compreso - a titolo esemplificativo - il diritto di riprodurre, pubblicare, diffondere a mezzo stampa e/o con ogni altro tipo di supporto o mezzo e comunque in ogni forma o modo, anche se attualmente non esistenti, sui propri mezzi, nonché di cedere a terzi tali diritti, senza corrispettivo in Suo favore. "Non per cambiare le regole pensionistiche", ha aggiunto. Se questa legislatura non fosse giunta fino ad oggi, non solo non avrebbero ricevuto la pensione [VIDEO], ma avrebbero anche perso i contributi versati in questi anni, destinandoli a rimanere per sempre nelle casse delle camere, quindi poveri italiani capiamo bene che le elezioni anticipate erano impossibili! Soltanto in cinque Paesi europei, oltre all'Italia, non è previsto un salario minimo: Danimarca, Cipro, Austria, Finlandia e Svezia. Se poi facessimo operazioni come quelle del mancato adeguamento dell'età di pensionamento alla speranza di vita, dopo aver venduto a tutti che abbiamo un sistema delle pensioni stabile. Dalla revisione dei vitalizi, aggiunge, "fra parlamentari e consiglieri regionali, si possono trovare 150 milioni", ma Boeri partirebbe dalla "trasparenza: trovo davvero grave che il Parlamento non abbia reso pubbliche le cifre sui contributi versati dai diversi parlamentari".

Altre Notizie