Domenica, 24 Settembre, 2017

Slitta lo Ius soli: a settembre non è in calendario al Senato

Ius soli, sit-in a Roma Senato, lo Ius soli sparisce dal calendario. Zanda (Pd): «Non ci sono i voti»
Rufina Vignone | 12 Settembre, 2017, 19:06

Nessuna traccia della legge sullo Ius soli nel calendario del mese di settembre dell'aula del Senato.

Ciò è emerso dalla riunione dei capigruppo a Palazzo Madama.

Luigi Zanda presidente dei senatori del Partito Democratico, ha spiegato che "approvare lo Ius soli rimane l'obiettivo primario ed essenziale" ma "serve una maggioranza e in questo momento non c'è perché anche i gruppi che lo hanno votato alla Camera non mostrano di volerlo votare al Senato". "Confido - ha aggiunto - che un lavoro politico che si puo' fare nelle prossime settimane, possa portarci alla soluzione positiva del problema. Noi lo vogliamo approvare e per approvarlo sono necessari i voti".

Esulta la Lega Nord: "Per fortuna lo ius soli per ora è sparito dal radar dell'agenda parlamentare - dice il vicepresidente del Senato Roberto Calderoli - la stragrande maggioranza di cittadini è contraria". "Nuovo rinvio su Ius Soli".

Ius Soli temperato: "rispetto allo ius soli classico - si legge sul sito di SkyTg24 - che attribuisce la cittadinanza di un Paese a chiunque nasca nel suolo nazionale, quello temperato pone delle condizioni". Il Pd ha rinunciato allo ius soli, Zanda ha ammesso che non hanno i numeri per approvarla. "Pericolo scampato, ma restiamo vigili e pronti alle barricate perché questo Paese ha bisogno di tutto tranne che di regalare la cittadinanza agli immigrati". "Ne prendiamo atto positivamente", ha detto il senatore Maurizio Gasparri, "noi ci auguriamo che non ci saranno neanche in futuro".

Quello che arriva dal Pd, secondo il Movimento 5 Stelle è un segnale importante: "Zanda ha detto in modo molto chiaro che il Pd non chiede che lo Ius soli sia in calendario perché non c'è una maggioranza".

Altre Notizie