Mercoledì, 20 Settembre, 2017

Indipendenza Catalogna: il Barcellona rischia di dire addio alla Liga

ANSA									+CLICCA PER INGRANDIRE ANSA +CLICCA PER INGRANDIRE
Rufina Vignone | 12 Settembre, 2017, 12:35

"Mancano 20 giorni, siamo arrivati fino a qui superando molte difficoltà e supereremo quelle che verranno".

La manifestazione di appoggio al referendum indipendentista del primo ottobre convocata questo pomeriggio a Barcellona in occasione della festa nazionale della Diada sarà imponente, prevedono i media catalani.

Un milione di persone hanno sfilato ed invaso le vie del centro di Barcellona, per la celebrazione della "Diada de Catalunya 2017", festa nazionale catalana. "Giocherà dove lo faranno l'Espanyol e il Girona" ha detto ieri, visibilmente seccato, il vicepresidente del Barça Carles Villarubí parlando al margine dell'offerta floreale fatta dal Barcellona (presenti tra gli altri il presidente Bartomeu e il calciatore Sergi Roberto) al monumento a Rafael Casanova. In ogni caso non sono un veggente politico e il Barça non è un attore della scena politica, a noi interessa solo la vittoria con la Juve. In particolare il timore più grande del club è quello di una possibile esclusione dalla Liga Spagnola che creerebbe non pochi problemi non solo nelle casse del club. "In tutti questi anni il club si è pronunciato chiaramente e si è schierato a favore del diritto a decidere della Catalogna, ma il referendum è una questione individuale dei catalani e non coinvolge direttamente il Barcellona". Il 29% vuole che la consultazione si svolga.

Altre Notizie