Mercoledì, 13 Dicembre, 2017

Commercio: nell'Isola crolla numero negozi, aumentano hotel e ristoranti

Economia, in dieci anni Modena ha perso 1.200 piccole imprese Toscana, oggi meno negozi e più bar
Zaira Scannapieco | 10 Settembre, 2017, 14:30

Meno negozi e più bar, ristoranti e attività turistiche. È questo il dato emerso da uno studio di Confesercenti Modena, sulla situazione presente nella nostra provincia a dieci anni dall'inizio della crisi.

E i numeri non sono incoraggianti, visto che il commercio in sede fissa ha visto diminuire il proprio comparto del 17,7%. "Mentre a livello locale bisogna smetterla con nuovi insediamenti di grandi strutture commerciali come se non bastassero i dati che riportiamo con tutti gli effetti che si portano dietro (il futuro di chi chiude, dei collaboratori, dei territori, dei servizi per la popolazione, ecc.)". Piazzamento eguagliato purtroppo anche per quello che riguarda le chiusure: 8361, le attività del commercio al dettaglio aperte nel 2007, 7.186 quelle di oggi. A pagarne maggiormente le conseguenze sono stati i negozi di abbigliamento e di calzature, le piccole ferramenta e di materiale per costruzioni ma anche rivendite di libri e giornali. La grande recessione, accompagnata dalle politiche di liberalizzazione che hanno favorito la grande distribuzione organizzata, stanno modificando il volto delle nostre città e dei paesi in particolare. Ad incidere, anche l'evoluzione tecnologica, come dimostra l'aumento dell'attività online di distribuzione commerciale e vendita. "Una involuzione negativa in cui a vincere è sempre il più forte".

Ha sofferto meno il commercio ambulante o di altro tipo, che ha visto subire una diminuzione dell'1,4%. È il segno che la ripresa del commercio deve passare attraverso il sostegno dell'innovazione - misure vere, inserite nel quadro di Impresa 4.0, che permettano di modernizzare - più che di sanzioni per la mancanza del Pos. Perdere le attività di vicinato sarebbe un danno per tutti, non solo per i commercianti: "i negozi sono infatti un elemento fondamentale per la qualità della vita dei cittadini, per il valore turistico e la fruibilità del territorio e della sua sicurezza".

Altre Notizie