Venerdì, 22 Settembre, 2017

Gay o etero? All'Intelligenza Artificiale basta guardare una foto

Gay o etero? L'intelligenza artificiale te lo legge in faccia Un algoritmo ci dirà quali sono i nostri orientamenti sessuali
Irmina Pasquarelli | 09 Settembre, 2017, 12:49

Un'indagine destinata a far molto discutere. Secondo uno studio che ruota intorno ai risultati di una ricerca condotta dall'Università di Stanford - risultati che saranno presto pubblicati sul Journal of Personality Social Psychology e che per ora riporta l'Economist - un algoritmo sarebbe in grado di rivelare l'orientamento sessuale di una persona.

Secondo i ricercatori l'algoritmo, analizzando una singola foto, ha un'affidabilità dell'81% nel riconoscere uomini omosessuali e del 74% per riconoscere donne lesbiche.

I ricercatori, Michal Kosinski e Yilun Wang, hanno utilizzato il cosiddetto deep neural networks, vale a dire un sofisticato sistema matematico capace di analizzare le immagini facendo leva su una notevole quantità di dati. In breve l'algoritmo ha giudicato che gli uomini gay appaiono più femminili, con mascelle più strette, nasi più lunghi e fronte più larga.

Gay o etero? L'intelligenza artificiale te lo legge in faccia

"L'indagine è piuttosto inquietante e sembra proiettare nel passato piuttosto che nel futuro", dice a Repubblica.it Alberto Rossetti, psicanalista e psicoterapeuta di Torino, esperto di adolescenza e nuove tecnologie, "Innanzitutto perché riduce la complessa questione della sessualità umana a una serie di discutibili parametri facciali, tra l'altro presi all'interno di un sito per appuntamenti". La spiegazione fornita dagli autori della ricerca è che gli ormoni cui i feti sono esposti durante il loro sviluppo, svolgono un ruolo importante nella costruzione delle strutture facciali e possono arrivare a determinare la sessualità di una persona. Inoltre dovremmo tutti preoccuparci del modo in cui le e informazioni che lasciamo più o meno consapevolmente in rete possono farci profilare in diversi modi senza un nostro consenso.

Il software si chiama Vgg-Face ed è appunto capace di riconoscere l'orientamento sessuale di una persona grazie all'analisi di una sua foto. "Torneremmo indietro di numerosi anni". Non considera persone di colore né orientamenti sessuali differenti, non ha cioè coinvolto soggetti transgender o bisessuali.

Identificare le persone da una loro immagine e poterne magari stabilire l'orientamento sessuale aprirebbe infatti a usi inconcepibili specialmente nell'epoca dei social network, con immensi database di foto che potrebbero perfino essere incrociati con quelli dei governi e delle amministrazioni.

Altre Notizie