Domenica, 27 Mag, 2018

Talco cancerogeno, risarcimento record contro Johnson & Johnson

Talco Baby Johnson, arriva la stangata da 147 milioni alla fabbrica. Il prodotto è cancerogeno
Irmina Pasquarelli | 22 Agosto, 2017, 20:17

La condanna al rimborso è stata inflitta dal tribunale di Los Angeles perché il talco prodotto dall'azienda sarebbe responsabile del cancro all'utero della donna. La sentenza del tribunale di Los Angeles non è stata accolta di buon grado dalla società, che ha già annunciato di voler fare ricorso. Pochi mesi dopo, a maggio, la stessa corte ha stabilito un danno di 55 milioni di dollari a una donna del Sud Dakota, che però era sopravvissuta al tumore.

Un portavoce di J&J ha spiegato che pur empatizzando con chi è stato colpito da cancro alle ovaie, "siamo guidati dalla scienza, che sostiene la sicurezza del baby powder". Questo è il sesto processo per il gruppo, che ne aveva vinto uno a marzo ma ne ha persi altri quattro: le giurie hanno approvato oltre 300 milioni di dollari complessivi di risarcimenti. Non si tratta in effetti della prima condanna per la J&J legata al presunto effetto cancerogeno del suo borotalco, ma in questo caso la cifra del risarcimento è da record: 70 milioni di compensazione e ben 347 di danni punitivi, per un totale che raggiunge i 417 milioni di dollari. Secondo il Cancer Research UK la probabilità che l'uso del talco possa provocare un tumore alle ovaie è estremamente ridotta.

Postiamo questo articolo perché probabilmente tutti, almeno una volta, abbiamo utilizzato il borotalco o altri prodotti che lo contengono. La compagnia infatti è consapevole della cancerogenicità del prodotto dal 1980.

Il borotalco è composto principalmente dal talco, ovvero silicato di magnesio (formato da silicio, magnesio, ossigeno e idrogeno).

Dall'anno 1970, negli Stati Uniti venne eliminato l'amianto da borotalco, in seguito ad alcune norme e regolamenti federali.

L'azienda è stata spesso al centro di polemiche per il contenuto dell'INCI (International Nomenclature of Cosmetic Ingredients, ovvero l'elenco degli ingredienti) dei loro prodotti, dal momento che sulle etichette si leggono spesso nomi quali diossano e formaldeide, considerati cancerogeni per l'uomo.

La Società Americana contro il Cancro ha avvertito parecchie volte riguardo il rischio dell'utilizzo del borotalco, per la sua relazione con il cancro alle ovaie.

Altre Notizie