Mercoledì, 22 Novembre, 2017

Usa, auto sulla folla durante manifestazione dei suprematisti bianchi a Charlottesville

Charlottesville Usa, protesta dei suprematisti bianchi: è stato d'emergenza
Rufina Vignone | 12 Agosto, 2017, 22:06

Il sindaco di Charlottesville Mike Signer l'ha definita una marcia di "odio, razzismo e intolleranza" e dopo diversi scontri tra manifestanti di destra e oppositori la polizia ha dichiarato la protesta "fuorilegge" ordinando alle persone di disperdersi. La marcia a sorpresa è stata organizzata all'Università della Virginia. "La polizia di Charlotteville e la polizia dello Stato della Virginia sono sul luogo di un incidente con tre veicoli", recita un comunicato delle autorità, citato dal giornale locale, in cui si parla di "ferite multiple" e si invita il pubblico a sgomberare l'area per facilitare i soccorsi. Un testimone racconta che una donna che cercava di alzarsi è stata di nuovo investita.

Le violenze erano cominciate immediatamente, quando l'assembramento di suprematisti bianchi, tra i quali il Ku Klux Klan, e neonazisti è iniziato per protestare contro il progetto della città della Virginia di eliminare la statua di un generale confederato che sosteneva la schiavità. Molti dei manifestanti di estrema destra innalza le bandiere sudiste confederali, un simbolo che molti considerano razzista.

"Tutti dobbiamo essere uniti e condannare tutto ciò che l'odio rappresenta. Stiamo tutti uniti!", ha scritto Trump, non precisando se il suo tweet fosse contro la manifestazione suprematista o di condanna per gli scontri. Lo scrive via Twitter il presidente Usa, Donald Trump. Non c'è spazio per questo tipo di violenza in America.

Altre Notizie