Lunedi, 25 Settembre, 2017

Uova al fipronil: anche l'Italia ha ricevuto uova dalle aziende contaminate

C’è anche l’Italia tra le quindici nazioni europee coinvolte nello scandalo delle uova contaminate dall’insetticida fipronil altamente tossico per la salute umana un motivo in più per comprare prodotti sardi Uova al fipronil: anche l'Italia ha ricevuto uova dalle aziende contaminate
Remigio Civitarese | 12 Agosto, 2017, 13:08

Questi sono i Paesi che hanno ricevuto i prodotti, ma le aziende sottoposte a controlli saranno quelle in Belgio, Olanda, Germania e Francia. A far esplodere il caso, l'esportazione di migliaia di uova 'tossiche' da Olanda e Belgio, ora impegnate in un reciproco scambio di accuse. Giorni fa, uova infette sono state ritirate in molti store tedeschi e olandesi. Nel Regno Unito le uova al fipronil importate sono state 700 mila, come ha riferito l'Agenzia per la sicurezza alimentare inglese, spiegando che si tratta dello 0,007 per cento delle uova consumate ogni anno nel paese e che il rischio per la salute è minimo. L'allarme è arrivato dalla Commissione Europea che ha dichiarato che tra i Paesi interessati c'è appunto pure la penisola italiana. Ci sono anche nuove rivelazioni in Francia sullo scandalo delle uova contaminate. Una misura che si è dimostrata efficace in questi anni, dalla mucca pazza all'aviaria, è stata l'introduzione dell'obbligo di indicare in indicare in etichetta l'origine dei prodotti che va esteso a tutti gli alimenti senza attendere che si verifichino le emergenze, ma - precisa Moncalvo - va anche tolto il segreto sui flussi commerciali con l'indicazione delle aziende che importano materie prime dall'estero per consentire interventi mirati. Secondo l'istituzione guidata da Jean-Claude Juncker, infatti, pure il nostro Paese sarebbe a rischio per aver ricevuto uova contaminate dalla aziende non solo olandesi coinvolte nello scandalo.

Le indagini si concentrano su due aziende, una olandese che offriva il trattamento e l'altra delle Fiandre, in Belgio, che forniva l'antiparassitario dei miracoli. Secondo la Commissione europea sono 15 i Paesi comunitari coinvolti insieme a Svizzera e Hong Kong. "L'obiettivo è quello di trarre lezioni e discutere modi per migliorare continuamente l'efficacia del sistema dell'Unione riguardo a frodi e sicurezza alimentare", ha spiegato il portavoce.

Innanzitutto non è chiaro il numero dei paesi coinvolti e, soprattutto, se tra questi ci sia l'Italia.

Le uova a rischio arrivano in Francia "Un lotto di 48mila uova, il 0NL43651-01, può essere stato acquistato dai consumatori perché è stato messo in vendita da Leader Price tra il 19 e il 28 luglio".

Sempre più misterioso (e preoccupante) il caso delle uova contaminate da un insetticida, il Fipronil, che si allarga e coinvolge anche l'Italia.

Il ministero ricorda anche che l'Italia ha una buona produzione di uova, e la provenienza nazionale è dimostrata dal marchio "IT" stampato sui gusci.

Il fipronil è una sostanza insetticida usata come antipulci, e spesso è contenuta negli antiprassitari per animali da compagnia, ma il suo utilizzo è vietato sugli animali destinati alla filiera alimentare.

Ovviamente il Ministero della salute continua le sue valutazioni e campionamenti su "ova, ovoprodotti e carni di pollame per la ricerca di fipronil che verrà attuato in via cautelativa, anche in assenza di segnalazioni specifiche". "Nel Rasff la Commissione ha il compito di verificare le notifiche e informare i paesi terzi e presuppone chiari obblighi quanto alla tempistica delle notifiche e delle reazioni delle istituzioni Ue e nazionali".

Altre Notizie