Mercoledì, 24 Gennaio, 2018

Napoli, immigrati accerchiano e minacciano una pattuglia dell'Esercito

(VIDEO) Napoli. Tensione in via Firenze: militari Esercito aggrediti da gang di extracomunitari Napoli, militari circondati dagli immigrati per evitare un fermo
Rufina Vignone | 07 Agosto, 2017, 18:45

La tensione è altissima: si sentono urla, fischi, e ci sono brevi colluttazioni. In strada, oltre ai militari e agli immigrati, si sono aggiunti moltissimi abitanti del quartiere, agenti di Polizia, Finanza e Carabinieri, ci sono anche i volontari del 118, che sono intervenuti per soccorrere l'uomo che all'inizio del video è a terra. Alcuni stranieri accorrono da destra, ma vengono allontanati.

Con il passare dei minuti anche se armati, i militari si trovano ben presto in condizioni difficili, poiche gli immigrati diventano una moltitudine, che sembra non subire piú di tanto il timore della divisa e delle armi. Un gruppo di extracomunitari prova a sottrarre il fermato ai soldati. I problemi qui sono tanti e sono quotidiani. Napoli, via Firenze. Pieno centro!

Dopo un normale controllo da parte dei militari impiegati nell'Operazione "Strade Sicure" nei confronti di un giovane di colore, successivamente immobilizzato dai militari, è scattata la rivolta da parte di una gang di extracomunitari. "Ora basta! Addirittura aggressione allo Stato!".

'Vergogna a voi tutti che permettete questo.

"Abbiamo firmato una petizione che trovate sulla nostra pagina Facebook". I militari vengono accerchiati. "La tensione è molto alta ogni giorno, oggi è successo, però, qualcosa di gravissimo con elementi dell'esercito circondati é minacciati". Questi immigrati sono abbandonati a loro stessi.

Le pattuglie dell'Esercito sono state inviate in alcuni quartieri 'caldi' di Napoli, come la Sanità e lungo gli itinerari turistici, dal ministero dell'Interno, nel tentativo di contrastare la criminalità.

"Abbandonati e traditi!". E' il grido di allarma lanciato dai residenti di via Firenze, nelle vicinanze della Stazione Centrale.

Altre Notizie