Martedì, 26 Settembre, 2017

San Benedetto del Tronto: Donna cade da una giostra a Luna Park

Tragedia Luna Park di San Benedetto del Tronto, ragazza muore precipitando nel vuoto San Benedetto del Tronto: 27enne fa un volo di venti metri al luna park. Morta Precipitata dalla capsula gravitazionale, davanti a decine di persone
Rufina Vignone | 17 Luglio, 2017, 12:22

Tragedia nel luna park di San Benedetto del Tronto, nelle Marche: una mamma di 27 anni, Francesca Galazzo, è precipitata da un'altezza di 20 metri ed è morta.

La 27enne era con un'amica all'interno di una capsula che viene "lanciata" da due grandi elastici: all'interno di tale abitacolo, le giovani erano assicurate ai sedili da barre orizzontali e roll bar sulle spalle. Come detto, le indagini sono ancora in corso, ma, da una prima ricostruzione, sembra che la ragazza insieme a un amico stesse usufruendo di una giostra chiamata capsula gravitazionale. La Procura di Ascoli Piceno ha disposto il sequestro dell'attrazione, una cellula gravitazionale, per rilevare eventuali responsabilità o malfunzionamenti nei dispositivi di sicurezza.

San Benedetto del Tronto (Ascoli), 17 luglio 2017 - "Sto volando, sto volando", le ultime parole di Francesca Galazzi, la 27enne morta precipitando da un'attrazione del Luna Park. La donna era madre un bambino. Poco più in là, il figlio di due anni e mezzo che era stato sempre con lei durante la serata di divertimento.

Non è chiara ancora la dinamica.

Una serie di concause potrebbe aver provocato l'incidente in cui ieri sera al luna park di San Benedetto ha perso la vita Francesca Galazzo, caduta dalla giostra estrema 'Sling Shot'. Sul posto il medico legale per una prima ricognizione in attesa che venga fissata l'autopsia, vigili del fuoco, polizia e carabinieri.

Le prime parole della madre all'Ansa sono state queste, "Non scrivete che mia figlia è andata in panico, perché non è assolutamente possibile, non era il tipo", poi seguite dalle dichiarazioni del padre, "Vogliamo che sia fatta giustizia, e che si stabilisca se qualcuno ha colpa per la morte di mia figlia". "Quando la ruota è partita la ragazza aveva una gamba che usciva a penzoloni ed era sbilanciata da un lato - ha raccontato un testimone -".

Altre Notizie